Rc auto, premi da record In Italia sono il doppio di Germania e Francia

L'Isvap lancia l’allarme sul caro Rc auto. In Italia il premio medio per l’Rc auto è praticamente doppio rispetto a quello applicato in Germania, Francia e Spagna: 407 euro contro, rispettivamente, 222, 172 e 229

Rc auto, premi da record 
In Italia sono il doppio 
di Germania e Francia

Roma - In Italia il premio medio per l’Rc auto è praticamente doppio rispetto a quello applicato in Germania, Francia e Spagna: 407 euro contro, rispettivamente, 222, 172 e 229. A lanciare l’allarme sul caro Rc auto è il presidente dell’Isvap Giancarlo Giannini nella relazione annuale il cui rileva che l’andamento degli indici dei prezzi delle assicurazioni dei mezzi di trasporto per il periodo 2002-2009 "mostra per l’Italia un incremento cumulato quasi triplo, il 17,9% contro il 7,1% della media europea". Secondo Giannini l’aumento delle tariffe "non è la risposta corretta" alle difficoltà del settore e l’Rc auto è "il tallone d’Achille del sistema".

Premi doppi di Germania e Francia Oltre alla riduzione del 3,6% della raccolta premi, nel 2009 è peggiorato al 108% il rapporto tra spese più oneri sui sinistri e gli incassi derivanti dai premi (combined ratio). Il buon andamento della gestione finanziaria ha consentito di contenere in meno di 100 milioni le perdite del comparto, ma alle difficoltà le imprese hanno reagito azionando la leva degli aumenti tariffari, ha aggiunto il numero uno dell’Isvap, ricordando che "nel periodo aprile 2009-aprile 2010 sono aumentate a due cifre le tariffe medie ponderate relative a tutte le tipologie di assicurati sotto osservazione". Quello dell’aumento delle tariffe è, secondo Giannini, "solo la leva più immediata e a più rapido effetto in un mercato in cui il cittadino è obbligato ad assicurarsi". Sulla determinazione del costo finale dell’rc auto, ha aggiunto, intervengono numerosi fattori tipici dell’Italia, dallo stato delle strade all’elevata incidenza delle lesioni denunciate, "ma il confronto con quanto accade negli altri Paesi europei deve comunque far riflettere". L’indagine condotta dall’Isvap sulla gestione dei sinistri da parte delle imprese conferma l’esistenza di "diffuse inefficienze alle quali occorre porre rimedio". Negli ultimi cinque anni, ad esempio, la presenza di uffici di liquidazione dei sinistri sul territorio, è diminuita del 30%, il rapporto tra reclami e sinistri è peggiorato del 77%, l’importo delle sanzioni è salito del 40%. Giannini ricorda quindi che finora le compagnie hanno rinviato gli investimenti necessari, ma "è arrivato il momento di agire". Tra gli ulteriori e solleciti interventi auspicati dall’Isvap ci sono la tabellazione del danno biologico per le lesioni di maggiore entità, e l’abolizione del tacito rinnovo.

L'Ania: "Prezzi alti per costi abnormi" I prezzi Rc Auto in Italia "sono alti perchè i costi sopportati dalle imprese di assicurazione sono abnormi, i più alti d’Europa", ha replicato l’Ania (l’associazione delle imprese assicurative) alle critiche mosse dall’Isvap sul caro tariffe nella relazione annuale dell’Autorità. L’Ania ha chiesto, perciò, di adottare "interventi normativi per ridurre i costi e i prezzi". Le inefficienze e le distorsioni, ha lamentato l’Ania, "sono esterne al settore assicurativo". In particolare, ha poi ricordato l’associazione, "la frequenza dei sinistri (pari all’8,6% nel 2009) è del tutto fuori linea nel confronto europeo e assolutamente anomalo è il numero dei feriti risarciti dalle imprese di assicurazione (oltre un milione di persone)".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti