"Risposta eccellente, pensiamo al 2011"

Vincenzo Zottola, presidente della Ccia di Latina: «Con questi numeri straordinari, oltre 50mila presenze, allungheremo di un giorno la prossima rassegna. È stato il festival della nautica, della cultura e dello spettacolo»

"Risposta eccellente, pensiamo al 2011"

La rassegna si è appena conclusa, ma l’eco del successo si proietta già verso la prossima edizione. Per il 2011, infatti, «Yacht Med Festival» annuncia parecchie novità e un programma di eventi ancora più ampio proiettato, si sente dire, su uno scenario più internazionale. L’evento è stato organizzato dalla Camera di Commercio di Latina in collaborazione con Regione Lazio, Comune di Gaeta, Unioncamere Lazio, Camera di Commercio di Roma, Autorità Portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, Sviluppo Lazio, Creia, Arsial, At Lazio, Astral, le associazioni di categoria e i Consorzi di imprese e con il patrocinio della presidenza del Consiglio dei ministri, di 5 ministeri, di Ucina, Enit, Unpli e di altre importanti istituzioni. Vincenzo Zottola, presidente della Camera di Commercio di Latina, promotore dell’evento, incassa, con orgoglio, i consensi e guarda avanti.

Presidente, la terza edizione è stata il salto di qualità...
«Il successo e la partecipazione registrata tra gli operatori del settore, gli attori locali e il grande pubblico, nonché la straordinaria accoglienza di Gaeta, più che adeguata per ospitare un evento di tale importanza, ci hanno fornito la spinta e l’entusiasmo per iniziare a lavorare subito alla prossima edizione. Abbiamo già stabilito le date: dal 12 al 17 aprile 2011, allungando quindi di un giorno la durata della rassegna».
I numeri sono eccellenti.
«Sì. Oltre 50mila visitatori hanno affollato il villaggio dell’evento tra addetti ai lavori, clienti, appassionati e un pubblico ampio accomunato dalla passione per il mare e per la nautica. Con una formula innovativa che ha previsto, oltre all’esposizione nautica, momenti di spettacolo, forum, incontri fra istituzioni e protagonisti del mondo produttivo e l’animazione di un villaggio dedicato al Mediterraneo, con particolare attenzione al turismo».
Una bella vetrina per l’immagine della nautica...
«La manifestazione è stata ideata e realizzata per valorizzare il settore nautico, un sistema produttivo che nel Lazio sta mostrando grandi capacità di sviluppo con oltre 500 imprese, 2mila lavoratori diretti, un indotto che interessa migliaia di addetti e un export regionale quasi raddoppiato in meno di due anni, facendo segnare un saldo positivo di 62 milioni di euro. Yacht Med Festival ha visto l’impegno e il lavoro comune di istituzioni e imprese, con una sinergia che certifica la spinta propulsiva che tutti i protagonisti stanno dando allo sviluppo del nostro territorio. Non dimentichiamo che la vocazione marinara di Gaeta costituisce da secoli una ricchezza e negli ultimi anni ha visto la nascita di un fiorente distretto nautico. È dall’economia del mare, dalle realtà di eccellenza e dalla ricchezza culturale del nostro territorio che vogliamo partire per affermare la centralità di Gaeta nell’ambito Mediterraneo».
Quindi nautica, turismo da diporto, ambiente e cultura in un unico contenitore.
«Proprio così. Yacht Med Festival è stato ideato per creare un contenitore capace di far convivere e interagire turismo, ambiente e cultura, capisaldi dell’identità e dello sviluppo del territorio, in un’ottica mediterranea. Nell’area adiacente all’expo, infatti, c’è il “Med Village”, ideato per accogliere aziende enogastronomiche, dell’artigianato artistico, della cultura tradizionale, dell’innovazione e dell’energia, con l’opportunità per i visitatori di provare eccellenze e prodotti tipici. La manifestazione, con oltre 60 stand dedicati alle aziende nautiche e un’area expo caratterizzata da uno standing elevato e un design innovativo, grazie all’accesso diretto al mare ha dato la possibilità ai visitatori di effettuare “boat test drive”, potendo scegliere fra circa 100 imbarcazioni: emozionanti prove a mare per far vivere l’esperienza in barca in termini di guida e di accessori, nella splendida cornice del golfo di Gaeta».
Non è mancato lo spettacolo puro...
«Yacht Med Festival è stato animato da eventi come il concerto Euro Mediterraneo, che ha visto alternarsi sul palco artisti di diverse etnie e culture musicali del Mare. In quest’ottica è stato inaugurato a Palazzo De Vio il primo “Totem della Pace” con la consegna al ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, del “Premio Mediterraneo per Energia e Sviluppo Sostenibile”, importante riconoscimento internazionale conferito dalla Fondazione Mediterraneo».
Il settore della nautica comincia a parlare di distretti.
«Infatti abbiamo organizzato il primo “Forum sui Distretti della Nautica, verso la creazione di una rete nel Mediterraneo”, curato dal Consorzio Universitario presieduto dal professor Gaetano M. Golinelli. È stato un momento di discussione su prospettive e opportunità, in ottica nazionale e mediterranea, dei distretti della nautica italiani. Nel corso del simposio “Internazionalizzazione della cantieristica navale e nautica da diporto italiana” il professor Giuliano Caroli dell’università Luiss ha presentato una ricerca sulle prospettive di internazionalizzazione della nautica laziale e si è confrontato, tra gli altri, con il presidente della Commissione Finanze della Camera, onorevole Gianfranco Conte, il vice direttore generale di Confindustria, Luigi Mastrobuono, l’ambasciatore italiano negli Emirati Arabi, Paolo Dionisi, e il ceo di Art Marine, azienda leader nella distribuzione di imbarcazioni di lusso italiane nella penisola araba, capitano Alessio Tumbiolo». A completare la rassegna di Gaeta, anche il primo “Convegno nazionale degli istituti nautici italiani”, cui hanno partecipato i presidi e rappresentanti di circa il 90% degli istituti nautici italiani.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti