Rivelazioni «Non è stato Stieg Larsson a scrivere la trilogia “Millennium”»

Stieg Larsson non aveva la sintassi, lo stile e il tempo per scrivere duemila pagine in un paio d’anni: lo ha dichiarato recentemente il suo ex capo e collega giornalista, Anders Hellberg. Ma allora chi ha scritto davvero la trilogia «Millennium», che ha venduto finora più di venti milioni di copie? È stato davvero soltanto Larsson (morto d’infarto nel 2003) o si deve a un’altra mano lo straordinario successo delle avventure di Lisbeth Salander e di Mikael Blomkvist? Secondo Anders Hellberg - che ha lanciato la «bomba» sul popolare «Dagens Nyheter’s», uno dei principali giornali svedesi - la vera autrice della trilogia sarebbe la compagna del defunto Larsson, Eva Gabrielsson, la quale però in un primo momento - pur puntualizzando di essere stata assai più di una semplice correttrice di bozze e di aver discusso con Larsson aspetti della trama - ha definito la rivelazione «una sciocchezza». Ora però si aggiunge un’altra tessera al mosaico. In un’intervista al giornale danese «Politiken», la Gabrielsson ha ammesso: «Ho difficoltà a capire quello che è unicamente di Stieg e quello che è mio nel linguaggio e nei contenuti di “Millennium”. Non è solo questione di chi l’ha scritto materialmente». A complicare le cose, il fatto che la Gabrielsson, dopo aver vissuto oltre 30 anni con Larsson senza sposarlo, è stata totalmente estromessa dal godimento dei ricchissimi diritti editoriali, finiti al fratello e al padre. Finora il contributo di Eva ai tre libri era considerato limitato e poco influente: questa rivelazione potrebbe cambiare le cose. A gettare legna sul fuoco è un amico di Larsson, Kurdo Baksi, che in una recente biografia dello comparso scrittore afferma che questi non era affatto un buon giornalista: metteva in bocca agli intervistati frasi mai dette e scriveva articoli di parte.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.