Rom delocalizzati, piccoli comuni in rivolta

(...) I senatori Giulio Marini (Fi) e Laura Allegrini (An) hanno annunciato un’interrogazione al Ministro Amato «per individuare chi sta mettendo in pericolo la sicurezza pubblica del viterbese». Due pullman con 200 persone ieri sono arrivati a Roma da Barbarano per protestare contro il prefetto Achille Serra: «Non si possono destinare - hanno detto i manifestanti - 500 rom a un paese di 900 anime». Ieri era il giorno del vertice a Palazzo Valentini, fra Serra e i sindaci del Lazio. Oltre a Latina, i tre comuni del Reatino e Barbarano, anche Sutri e Nepi nel Viterbese, Sant’Ambrogio sul Garigliano nel Frusinate. Al summit anche il governatore Piero Marrazzo, il presidente della provincia di Roma Enrico Gasbarra, i quattro prefetti e presidenti delle altre provincie del Lazio. Assente Veltroni.
Il Prefetto ha ripetuto che la capitale è al collasso, con 20mila rom ufficialmente censiti che potrebbero diventare 30mila con l’ingresso della Romania nell’Ue: «Ma sbaglia - ha precisato - chi parla di grandi numeri da destinare ai comuni del Lazio». Marrazzo ha fatto il pompiere: i comuni nulla possono respingere, spiega, perché ancora nulla è stato proposto. Le proteste e le minacce di blocchi stradali sarebbero frutto delle indiscrezioni giornalistiche.
Eppure il piano c’è. Da Villa Troili, conferma l’Opera Nomadi, i nomadi sono andati via in a base a un accordo preciso, e una località è destinata ad accoglierli. Sul piatto della bilancia, a quanto pare, per i comuni ci sarebbe il pagamento, da parte della Regione, delle strutture di assistenza, di alloggio e di tutti i servizi. Nessun aggravio a carico dei bilanci locali, insomma. La popolazione, però, non vuole i rom, perché sa benissimo che accogliere 10 o 20 famiglie oggi potrebbe voler dire trovarsene altre 30-40 domani. Peraltro nei piccoli centri le forze dell’ordine non abbondano: chi garantirebbe la sicurezza e l’ordine pubblico? E chi darà lavoro ai rom?
«Per i nomadi bisogna seguire gli esempi di altre grandi città europee - propone Gianni Alemanno, presidente romano di An - e fare come in Germania, dove si permette l’ingresso a un numero determinato di rom, esclusivamente in luoghi definiti, controllati e gestiti per il tempo strettamente necessario a consentire le ripartenze». Per il consigliere di An, Fabio Sabbatani Schiuma, Serra invece ha ragione a voler trasferire i rom negli altri comuni del Lazio: «Ma la delocalizzazione va pianificata lontano dai centri abitati, fino a quando queste persone non sapranno coniugare diritti e doveri». A conferma bastano le cronache di ieri. Sei rom «in trasferta» dai campi romani sono stati arrestati dai carabinieri di Monterotondo per rapina, furto, spaccio. Niente di nuovo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti