Roma forza sette Lazio e Genoa soffrono Ma tutti promossi in Europa league

Missione compiuta. Le tre italiane accedono alla fase a gironi di Europa League: sconfitta «indolore» per la Lazio, pareggio d’orgoglio per il Genoa, valanga Roma all’Olimpico (7-1 come al Gand nel turno precedente).
Genoa. È Criscito a togliere le castagne dal fuoco ai rossoblù nella trasferta di Odense. Il gol del difensore spegne le velleità dei danesi, che per tutta la partita cercano di far valere la maggiore fisicità. Ne fa le spese Juric dopo una fortuita testata di Djembà-Djembà. Lo slavo cade a terra perdendo i sensi, viene rianimato dai medici e poi cosciente esce dal campo in barella. Milanetto colpisce il palo, ma in pieno recupero del primo tempo è l’autogol di Figueroa, eroe all’andata, a complicare la vita al Genoa. A inizio ripresa, la rete di Criscito che con una gran botta di sinistro e la deviazione di Christensen, mette fuori causa il portiere danese. Il 3-1 dell’andata consente un finale tranquillo alla squadra di Gasperini.
Lazio. La Lazio «scivola» sul campo sintetico di Boras, ma il rassicurante bottino di tre reti portato in dote dal match di andata tiene salda la qualificazione dei biancocelesti. Il gol di Avdic a metà ripresa consegna la vittoria all’Elfsborg, una vittoria meritata visto che la squadra di Ballardini gioca un buon primo tempo (traversa di Rocchi dopo il palo di Svensson), ma soffre nella seconda parte di gara davanti agli attacchi insistiti degli scandinavi. Muslera chiude in più occasioni la porta biancoceleste fino al colpo di testa della punta slava - brava ad anticipare Lichtsteiner - che decide il match. La Lazio paga pegno agli infortuni (Siviglia e Brocchi escono in anticipo per guai muscolari, Cribari chiude zoppicante) e chiude in dieci per l’espulsione di Kolarov.
Roma. Bastano 18 minuti alla Roma per archiviare la pratica Kosice. Cinque i gol realizzati dalla squadra di Spalletti nell’avvio straripante (due quelli di Totti, poi Guberti, Cerci e Menez) e un gruppo di tifosi slovacchi abbandona l’Olimpico deluso dal comportamento della loro squadra. Novak accorcia le distanze, ma nella ripresa arrivano i gol di Riise e ancora di Totti che completa la sua personale tripletta (per il capitano 10 reti in 4 partite di Europa League). Oggi alle 13 il sorteggio dei gironi (diretta su Mediaset Premium Calcio 24).
Supercoppa. A Montecarlo (ore 20.30, diretta Rai1, Sky 201 e 251 e MP Calcio 24) finale di Supercoppa Europea tra il Barcellona di Guardiola e lo Shakhtar Donetsk di Lucescu, che proprio ieri ha ceduto ai catalani per circa 25 milioni di euro il difensore Dmytro Chygrynskiy.

Commenti