Roma

La Roma oggi già in campo Spalletti chiede un attaccante

Appena due giorni di lavoro e la Roma affronterà già oggi il primo test amichevole: avversario una selezione locale di Brunico. Tutto ciò mentre Luciano Spalletti rompe il ghiaccio dopo quasi un mese di silenzio, da quando cioè incontrò Rosella Sensi per sancire il prosieguo del suo rapporto, da molti considerato ormai logoro, con i giallorossi. Sullo sfondo sempre il tema societario: il tecnico ironizza dopo la polemica su Totti accesa dall’avvocato Nicola Irti, accostato al gruppo Fioranelli; lo stesso agente Fifa rilancia anche se la fiducia nei suoi confronti è ormai scemata.
«La dottoressa Sensi è convinta di andare avanti e con qualità e non ho motivo di dubitarne - dice Spalletti -. Non dò giudizi su Fioranelli perchè non lo conosco, ho sentito però le dichiarazioni dell’avvocato Irti («Totti è la rovina della Roma»), e se il buongiorno si vede dal mattino... C’è da pensare che se un giorno dovesse diventare proprietario potrebbe sostituire sul logo la lupa con un’aquila».
Fioranelli, dopo essersi dissociato dalle parole di Irti, ha nuovamente rilanciato a Teleradiostereo: «Confermo che siamo tuttora interessati, le trattative vanno avanti, spero di poter dare una risposta la prossima settimana ma mi auguro che non sia troppo tardi. Mi sorprende che Spalletti mi abbia coinvolto nelle dichiarazioni dell’avvocato Irti jr e spcifico junior, perchè il padre è un grandissimo professionista, che gode della mia stima. Ribadisco che Totti e De Rossi sono giocatori invendibili, nessuno può metterli in discussione. Unicredit? In questa vicenda non ha nessuna colpa, noi abbiamo rapporti con Mediobanca. Non voglio neanche credere che ci abbia boicottato, alcune situazioni si sono create anche per nostri errori. Forse siamo stati troppo cauti».
In attesa di una via d’uscita, con l’occhio vigile di Unicredit, Luciano Spalletti pensa alla stagione del rilancio della Roma. Nessuna lista della spesa, nessuna preclusione sul mercato in uscita, ma una sola vera richiesta: una prima punta che si completi con le caratteristiche di Totti. «Io ho una rosa che stimo e in cui ho fiducia, sono calciatori con cui abbiamo raggiunto risultati importanti. Per essere più completi servirebbe un attaccante bravo di testa e che sappia inserirsi negli spazi. Valuteremo tutte le ipotesi aspettando l’occasione giusta per migliorare. Stiamo attraversando un momento difficile e per noi deve essere l’occasione per ricreare il settore giovanile, come ha fatto il Genoa lo scorso anno. Inoltre chiederò alla squadra chiederò più carattere e non cali di tensione».
Qualche partenza eccellente non è da escludere, in primis quella di Mirko Vucinic. E sul fronte portiere (la Roma cerca un vice Doni) l’agente di Iezzo - ora al Napoli - ha rivelato l’interesse del club giallorosso.

Commenti