Al Roma Seven 2010 tutto il gotha mondiale del rugby a sette

Il campo è lo stesso, anche i punteggi. I giocatori invece sono soltanto sette e i tempi sono più corti di quelli del rugby tradizionale. È il rugby a sette, una delle versioni più spettacolari di questo sport, che dal 2016 diventerà disciplina olimpica.
Oggi e domani lo stadio dei Marmi ospiterà la nona edizione della Roma Seven Cup, un importante torneo internazionale patrocinato dal Comune al quale parteciperanno alcuni dei giocatori più forti a livello mondiale. La squadra da battere è il fortissimo team dei campioni in carica, i Roma Seven, che per difendere il titolo potrà nuovamente contare sui giocatori degli All Blacks 7. Ma a contendendersi il torneo ci saranno le migliori compagini del gotha rugbistico mondiale: la nazionale australiana, per la prima volta a Roma, la Francia 7, la nazionale italiana ed il superclub francese dei Froggies, i Fiji Uprising Beach Resort, la nazionale spagnola e il club a inviti degli Atlantis-Seven Kings che rappresentano tutto il movimento americano, i Templars 7, i Marauders, i Mel’s Exiles, con il funambolico Serevi, vero maestro del rugby a sette. In campo anche i campioni del 2008, il team dell’esercito britannico della British Army con i suoi straordinari giocatori figiani. Dall’Argentina sono arrivati i Clandestinos-Rosario, una selezione dei migliori argentini dei campionati italiano, francese, inglese e spagnolo. A difendere l’onore italiano, oltre alla Nazionale Italiana 7, anche l’Unione Rugby Capitolina, sempre presente in tutte le precedenti edizioni, oltre alla vincitrice del Roma Seven 2002, la Rugby Roma.
Dopo il welcome party di ieri sera, il torneo entra nel vivo oggi con il GreenNetwork Roma Seven International Rugby Sevens: 16 le squadre, divise in quattro gironi. Alle 9 cominciano le fasi eliminatorie, con incontri di 14 minuti che si succederanno ininterrottamente sul campo centrale fino alle 20. Domani è prevista la terza edizione del Torneo internazionale over 35 «Memorial Renato Speziali» (tra le squadre più attese la Namau, la Lazio Old e da Mosca il team delle Moscow Lads) e le fasi finali della Roma Seven Cup 2010, che si terranno in notturna. La finalissima è prevista intorno alle 23,30. L’ingresso alla manifestazione oggi sarà gratuito. Domani, invece, il biglietto per l’intera giornata costerà 10 euro. Dopo le premiazioni il Roma Seven Party.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti