Roma si prepara a un altro venerdì nero dei trasporti

La gran parte dei sindacati (dalla Cgil alla Cisal) hanno proclamato l'astensione dal lavoro per il prossimo 28 maggio. Rispettate le fasce di garanzia. Bus, tram e metro fermi dalla 5 alle 8.30 e poi dalle 17 alle 20

I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Tpl e Faisa Cisal hanno proclamato per venerdì prossimo, 28 maggio, uno sciopero di 24 ore a livello nazionale, che si svolgerà nel rispetto delle fasce di garanzia previste dalla legge. A Roma, la protesta coinvolge i lavoratori di Atac, Tevere Tpl e Roma Servizi per la Mobilità.
Per quel che riguarda il servizio di trasporto pubblico, per bus e tram, metrò e ferrovie regionali Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo, venerdì le corse saranno garantite dall'inizio del servizio fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Corse a rischio, invece, tra le 8.30 e le 17 e dalle 20 al termine del servizio. Nella notte tra giovedì e venerdì, saranno possibili disagi anche per i collegamenti bus notturni. Allo sciopero potranno aderire impiegati, verificatori, addetti alle biglietterie e ausiliari del traffico.
Disagi saranno possibili anche per le attività al pubblico dell'Agenzia Roma Servizi per la Mobilità: sportello al pubblico di via Ostiense 131/L; Contact center infomobilità 06.57003 (che assicurerà comunque le informazioni sul trasporto pubblico) e numero verde dedicato alle persone con disabilità 800.154.451; check point bus turistici e box Info Termini.
Sempre venerdì 28, allo sciopero di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Tpl e Faisa Cisal, si sommeranno i due indetti dal sindacato Sul: il primo, dalle 8.30 alle 12.30, interesserà l'Atac; il secondo, dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio, una delle società del consorzio Tevere Tpl. Tutte le informazioni al numero 06.57003, operativo tutti i giorni 24 ore su 24 o sul sito Internet www.agenziamobilita.roma.it

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti