Roma

Arrivano i muri anti clochard alla stazione Termini

I lavori dovrebbero iniziare dopo l'approvazione della delibera in Giunta

Arrivano i muri anti clochard alla stazione Termini

Inizia a prendere forma il progetto che prevede la messa in sicurezza e la riqualificazione della stazione Termini. Stando a quanto riportato da Il Messaggero, infatti, la riunione tra comune di Roma, Soprintendenza, Rfi (Rete ferroviaria italiana) e Vigili del fuoco si è conclusa con l'approvazione di un piano da 190mila euro finalizzato, nello specifico, ad apportare delle modifiche al sottopasso Turbigo, quello che viene definito come galleria-dormitorio e mette in collegamento via Marsala a via Giolitti.

Lo scopo è quello di porre un freno al degrado del tratto in questione, impedendo i bivacchi tra un pilone e l'altro del passaggio tramite l'installazione di un muro composto da lastre in travertino. Col medesimo sistema saranno inoltre chiuse le finestre lungo il tunnel.

A prender parte al confronto, e quindi a definire il piano, sono stati l'assessore ai Lavori pubblici Ornella Segnalini, il presidente del I Municipio Lorenza Bonaccorsi, il Soprintendente speciale di Roma Daniela Porro ed alcune alte cariche dei Vigili del fuoco. Si attende ora l'approvazione della delibera in Giunta, prima di far partire i lavori. Solo una volta sistemat i i nuovi muri in travertino si procederà con le opere di pulizia e di installazione della nuova illuminazione del passaggio. Il progetto di riqualificazione, già in agenda, ha subito una brusca accelerata nei mesi scorsi, quando le condizioni di degrado hanno spinto numerosi utenti e residenti a richiedere un urgente intervento da parte del comune di Roma.

Inutili, infatti, erano risultati gli sgomberi e le bonifiche effettuati di recente, anche per il fatto che i clochard, dopo esser stati allontanati, tornavano nuovamente a ripararsi tra le colonne del sottopassaggio nonostante l'installazione dei dissuasori. Lo scorso gennaio, tra l'altro, alcuni degli occupanti avevano trovato tra i pilastri della galleria il corpo senza vita di Ravi Kumar. Il 38enne di origini indiane, identificato dopo qualche giorno dal rinvenimento, presentava delle evidenti lesioni che avevano fin da subito fatto pensare a un decesso sopravvenuto al termine di una brutale aggressione. Ancora nessuna notizia di eventuali responsabili, dato che le indagini sono tuttora in corso di svolgimento.

A parte questo caso e i bivacchi, è bene ricordare, il passaggio è stato anche teatro di aggressioni, risse e rapine. Il piano approvato è l'ultimo tentativo da parte del Comune per rendere nuovamente sicuro il passaggio ai romani e ai turisti.

Commenti