Coronavirus, la coppia di turisti cinesi è guarita

I primi due casi di Covid-19 a Roma sono stati ricoverati nell’ospedale Spallanzani il 30 gennaio scorso. Quando l’Italia sembrava ancora immune al virus

Finalmente una buona notizia. La coppa di turisti cinesi, i primi casi positivi al coronavirus a Roma, è totalmente guarita. A darne notizia è Francesco Vaia, direttore sanitario Spallanzani nel consueto bollettino odierno diramato dall’istituto della capitale: "Saranno trasferiti oggi presso il San Filippo Neri, per far completare la riabilitazione neuromotoria alla signora. Il marito sta molto bene e aiuterà la moglie nel suo percorso. I due sono completamente guariti e lasciano dunque in giornata l’Istituto Spallanzani".

I due turisti cinesi sono stati soccorsi lo scorso 30 gennaio da una ambulanza del 118 mentre si trovavano in un albergo di via Cavour, nel rione Monti. Sembra passata una vita. Tutto allora era tremendamente lontano. La paura, la quarantena, parole che ancora non ci appartenevano. La Cina era dall’altra parte del mondo e la malattia ancora sembrava poco più di un’influenza. Non avevamo imparato a conoscerla. Non avevamo imparato a subire le sue lezioni di morte. Ma neanche le guarigioni prodigiose.

I due cinesi si trovavano nella capitale per turismo da pochi giorni, quando hanno iniziato a presentare i primi sintomi. Per entrambi sono subito scattate le procedure previste per i casi sospetti da coronavirus. Il personale dell’ambulanza del 118 è intervenuto con tute e mascherine. Ed entrambi sono stati trasportati all’ospedale romano Spallanzani per essere sottoposti al test. Risultato? Positivi. Oggi, per loro, è il giorno della libertà. Della vita.

Veniamo ora agli ultimi numeri. Secondo i dati di oggi, i pazienti ricoverati allo Spallanzani positivi al Covid-19 sono 201, di cui 18 con supporto respiratorio. "I pazienti dimessi sono 324. Quelli dimessi e trasferiti a domicilio sono 46. In giornata - recita il bollettino - sono previste ulteriori dimissioni di altri pazienti. Dalla giornata di ieri lo spoke di Casal Palocco è stato attivato con l’invio di pazienti ad alta intensità assistenziale. E da oggi sarà attivo anche lo spoke dell’Ospedale Militare del Celio. Si ringrazia, a tal proposito, l'autorità militare per la preziosa collaborazione". Poche parole, ma chiare.

Oltre 700 casi positivi nel Lazio. Cinque morti, 117 nuovi casi per un totale di 724 persone positive. Sono questi i dati forniti dalla regione sui casi di coronavirus. E se Roma tiene botta con appena 19 nuovi pazienti registrati nelle Asl, è la provincia che paga il dazio più pesante. Nella Asl Roma 4, quella Civitavecchia, Cerveteri, Bracciano, Ladispoli e del resto del litorale nord ci sono stati 16 nuovi casi. Venti, invece, sono quelli registrati nelle zone di Tivoli, Colleferro, Guidonia, Monterotondo, Subiaco, Palestrina. Mentre nella Asl Roma 6 (quella dei Castelli, di Pomezia, Anzio e Nettuno) sono 17 i nuovi positivi per un totale di 53 nuovi casi nella provincia della capitale. Altri 45, invece, sono stati registrati nei comuni di Rieti, Viterbo, Latina e Frosinone.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.