Delinquenti ubriachi invadono un liceo e lanciano bottiglie contro gli studenti

La banda ha anche picchiato un bidello rubandogli il cellulare. Non contenti, i tre ragazzi hanno aggredito altre tre persone, tra cui un disabile. Infine si sono scagliati contro i poliziotti

Delinquenti ubriachi invadono un liceo e lanciano bottiglie contro gli studenti

Un’ora di autentica follia e violenza. A farne le spese sono stati gli studenti del liceo Machiavelli di Roma, un bidello dell’istituto, altri 3 individui, tra cui un disabile che ha riportato la frattura dello zigomo. Per ultimi sono stati aggrediti anche gli agenti. Tutto è avvenuto martedì pomeriggio tra i quartieri San Lorenzo e Prenestino. I protagonisti di questi brutti episodi sono un romeno, un albanese e un brasiliano di 25 anni, residenti a Roma e con precedenti penali. Ubriachi e rissosi sono stati arrestati dalla polizia e dovranno rispondere di rapina aggravata, lesioni, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento.

L’incursione al liceo

La scorribanda dei tre è iniziata al liceo Machiavelli poco dopo le 14. Gli inquirenti sono stati chiamati per un’aggressione all’istituto di via dei Sabelli. Il gruppo di violenti è entrato nel liceo picchiando un bidello e rubandogli il cellulare. Non contenti, i tre delinquenti hanno fronteggiato gli studenti che stavano uscendo per la fine delle lezioni e hanno tirato delle bottiglie di vetro contro di loro. Gli alunni si sono immediatamente barricati nelle aule. Si è trattato solo delle prima incursione.

Le altre violenze

Come riporta Il Messaggero, i tre sono quindi entrati in un supermercato a San Lorenzo e hanno minacciato di morte il titolare. Quest’ultimo è stato spintonato perché la banda doveva prendere una bottiglia di prosecco. Poi il romeno, l'albanese ed il brasiliano si sono diretti a Porta Maggiore per prendere il tram. Una volta giunti sul luogo, hanno visto un uomo di circa quarant’anni con il cellulare in mano. Improvvisamente uno dei tre ha spaccato una bottiglia in testa al passante e l’ha colpito a calci sullo stomaco. La banda ha proseguito il suo cammino mentre in piazza passava l’ambulanza che stava trasportando in ospedale l’uomo rapinato poco prima per varie ferite alla testa. I tre violenti sono quindi saliti sul tram della linea 5 e si sono accaniti con un disabile in carrozzina. Uno dei delinquenti l’ha minacciato di morte se non gli avesse dato il cellulare e a quel punto l’uomo ha consegnato il suo telefono. Infine, il disabile è stato colpito da un pugno che gli ha sfondato lo zigomo. È stato portato in ospedale per essere sottoposto a un intervento maxillo facciale.

Intervento della polizia

La polizia era già stata chiamata per l’incursione al liceo. Gli agenti hanno sentito via radio delle varie aggressioni e un loro gruppo ha individuato i delinquenti nel tram all'altezza di piazza Preneste. Come già detto anche i poliziotti sono stati picchiati dai tre, i quali sono stati ammanettati.

Commenti