Molestie a bordo di un bus: stringe una donna e inizia a palpeggiarla

Un uomo, siciliano di 53 anni salito sul bus, ha stretto a sé una ragazza e ha iniziato a palpeggiarla. L’autista ha fermato la corsa e chiamato i carabinieri

Ancora notizie sgradevoli arrivano da un bus della capitale. I carabinieri del comando Roma Piazza Venezia hanno arrestato un 53enne originario della provincia di Catania, senza fissa dimora e con precedenti, con l’accusa di violenza sessuale. Salito a bordo dell’autobus Atac linea 40, l’uomo si è posizionato alle spalle di una 47enne moldava, e, dopo averle cinto un braccio intorno al corpo, l’ha palpeggiata nelle parti intime.

La reazione della donna ha attirato l’attenzione dell’autista del bus che, notata la scena, ha fermato la marcia proprio davanti il comando carabinieri di Roma Piazza Venezia, che proprio in quel momento stava incrociando lungo il percorso, richiedendo l’intervento dei militari. I carabinieri hanno bloccato il 53enne e, dopo aver ascoltato la vittima e alcuni presenti, ricostruendo quanto accaduto, lo hanno arrestato e trattenuto in caserma, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Solo poche ore fa un altro incidente ha riguardato un bus della capitale. Dramma in piena notte alle porte di Roma. Scontro sulla via Tiburtina all’alba di sabato 25 gennaio. Due giovani, di 21 e 19 anni, hanno perso la vita nello schianto, avvenuto nel territorio di Tivoli Terme, tra la loro Panda e un bus Cotral. La tragedia poco dopo le 5 davanti al centro commerciale le Palme. Sul posto sono arrivati immediatamente i carabinieri della compagnia di Tivoli e i vigili del fuoco, questi ultimi chiamati per liberare i due corpi dalle lamiere dell’auto.

Frontale l’impatto, con l’utilitaria proveniente da Roma rimasta praticamente distrutta. Fine corsa contro il marciapiede per il pullman, a bordo del quale nessuno è rimasto ferito. Da accertare i motivi che hanno portato allo scontro frontale tra i due veicoli. In quel momento l’asfalto, sul punto dell’incidente, risultava bagnato per la pioggia caduta nelle ore precedenti. Poche ore prima un altro sinistro. Ancora strage di pedoni innocenti. Questa volta la tragedia si è consumata in piazzale della stazione Tiburtina dove un uomo di 40 anni è stato investito da un bus Atac ed è morto a causa delle gravi ferite riportate. Il fatto è accaduto all’altezza dell’intersezione con il piazzale dei taxi, alle 19 di giovedì.

Subito si sono precipitati i medici del 118 allertati dai presenti che hanno assistito alla scena. Sul luogo del sinistro si sono così recati anche gli agenti del gruppo sapienza della polizia locale di Roma capitale. L’uomo, senza documenti, è stato colpito da un mezzo della linea Atac 545 che si è fermato dopo l’impatto. La vittima è stata trasportata d’urgenza in codice rosso al Policlinico Umberto I dove è deceduta nelle ore successive. Il conducente del bus di 58 anni è stato sottoposto agli esami tossicologici di rito. La strada, chiusa per i rilievi scientifici dei vigili, è stata riaperta dopo le 22:30.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio Rubiu

Lun, 27/01/2020 - 12:12

Aveva ragione la Boldrini quando diceva "...le loro abitudini diventeranno le nostre!". Infatti sta già accadendo e ai "palpeggiatori" africani ci si si stanno aggiungendo anche quelli italiani! Abitudine contagiosa; ci vorrà un vaccino conto la "palpomania"