Orrore a Roma, disabile 15enne abusato nella doccia dal baby sitter

Gli abusi sessuali sul ragazzo affetto da problemi psicofisici sono andati avanti per mesi e sono venuti a galla dopo una denuncia dei genitori

I genitori si fidavano di lui, per questo gli avevano affidato il loro ragazzo. Un adolescente affetto da un ritardo psicomotorio che nel 2017, dopo la fine delle scuole doveva passare l’estate assieme ad un operatore che si sarebbe preso cura di lui.

Non sapevano che stavano consegnando il proprio figlio ad un orco che lo avrebbe violentato più volte nella doccia della loro casa. I primi sospetti dei familiari sono arrivati dopo un repentino cambio di comportamento del ragazzino, che d’improvviso si era chiuso in sé stesso diventando estremamente suscettibile.

Così la coppia ha deciso di sporgere denuncia e dall’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Roma Maria Monteleone, è emersa una realtà sconcertante di abusi andati avanti per mesi. L’assistente 57enne del ragazzo, come riferisce Il Tempo, approfittava dei momenti in cui il giovane doveva lavarsi per indurlo a “compiere e subire atti sessuali”. Masturbazione ma anche un rapporto completo, in un caso, secondo gli inquirenti.

L’operatore era stato subito allontanato dal ragazzino ed ora per lui si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.