Riapre la discoteca dello stupro ma la licenza ancora non c'è

Il locale era stato chiuso per motivi di ordine pubblico a seguito dello stupro di una 25enne, riapre il locale con altro un altro nome per chiedere i permessi

"Ci saranno 25 telecamere". Dopo quattro mesi e mezzo da quando il questore ha revocato per motivi di ordine pubblico la licenza alla discoteca Factory, venerdì prossimo il locale riaprirà sotto altro nome, Eden, e ha inziato a pubblicizzare i prossimi eventi che avranno inizio l'11 ottobre.

La discoteca era stata chiusa dopo che una studentessa etiope era stata stuprata in prossimità del locale, nella notte tra il 18 e il 10 maggio scorso e per quanto successo era stato fermato un 25enne romeno a seguito delle indagini della squadra mobile di Roma. Il questore aveva emanato un provvedimento di chiusura in abase all'art. 10 del Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), richiamando anche i precedenti interventi degli agenti "per liti, aggressioni e mancato rispetto degli orari di chiusura" oltre a "numerosi problemi causati dalla somministrazione incontrollata di bevande alcoliche". Inoltre l'Amministrativa avrebbe rilevato, nel corso di alcuni suoi controlli, che non tutti gli addetti ai servizi di controllo risultavano regolarmente autorizzati. Non a caso la licenza del locale era già stata sospesa ad aprile, per tre giorni.

Ora il locale dovrebbe aprire sotto il nuovo nome di Eden, ma assicura il gestore che verranno garantiti servizi migliori, con l'utilizzo di 25 telecamere, il cambio della società di buttafuori, il divieto di ingresso ai minori di 18 anni e, inoltre, sarà attivato il servizio di navette (gratuite), che da Ponte Milvio collegherà al locale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cecco61

Ven, 04/10/2019 - 14:30

Lo stupro è avvenuto fuori quindi non si comprende il motivo della chiusura. Quanto alle bevande alcoliche nel resto del mondo hanno fatto locali per maggiorenni e locali per minorenni visto che è impossibile poter controllare ogni avventore con capienze che superano il migliaio. Solite Leggi idiote all'italiana.