Roma, ubriaco prende a cinghiate moglie e figlia di 18 mesi: arrestato marito violento

L’uomo, un romeno di 32 anni, si era barricato in un casolare nei presi di Tor di Valle a Roma. Lo straniero da tempo maltrattava la moglie anche davanti ai figli

Roma, ubriaco prende a cinghiate moglie e figlia di 18 mesi: arrestato marito violento

Completamente ubriaco, ha picchiato furiosamente la moglie e la figlioletta di appena 18 mesi prendendole a cinghiate. L’uomo, un romeno di 32 anni, è stato arrestato nella serata di ieri dopo momenti di altissima tensione dai carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma in un casolare diroccato nei pressi dell’ippodromo di Tor di Valle.

Ad allertare i militari è stata la stessa donna, e sua connazionale, che è riuscita ad allontanarsi portando la bimba con sé approfittando di un momento di distrazione del consorte Gli uomini dell’Arma, giunti sul posto, hanno soccorso le innocenti vittime della furia del 32enne.

La piccina, con diversi lividi sulle gambe, è stata visitata dai sanitari del 118 e subito condotta in ambulanza all'ospedale Sant'Eugenio. I medici del nosocomio le hanno diagnosticate delle ecchimosi causate dai colpi di cinta inferti dal papà.

Quest’ultimo, nel frattempo, si era barricato nel casolare con l'altro figlio di 3 anni. Preoccupati per possibili gravi azioni ai danni del minore, i carabinieri hanno fatto irruzione nella struttura. I militari hanno trovato l'uomo, in evidente stato di alterazione pisco-fisica, ancora con la cintura dei pantaloni in mano che gridava frasi sconnesse.

L’esagitato, nonostante la presenza delle forze dell’ordine, ha nuovamente assunto un atteggiamento minaccioso nei confronti della moglie. La donna, una volta in caserma, ha esitato nel mettere per iscritto quanto era accaduto a lei e ai figli. Alla fine, però, ha superato le sue paure e ha denunciato quanto accaduto raccontando, inoltre, che le violenze andavano avanti da tempo e spesso avvenivano davanti ai figli piccoli.

Il romeno è stato arrestato ed ora dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia. Al momento si trova nel carcere di Regina Coeli a Roma in attesa dell'udienza di convalida.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

Commenti