Ubriaco entra in una chiesa romana e semina il panico

L’uomo, di origini romene, è stato fermato dai carabinieri e portato in ospedale. Una volta passata la sbronza, è stato denunciato

Attimi di paura in una chiesa nel quartiere romano di San Giovanni, dove un ubriaco, di origini romene, è entrato nella parrocchia mentre il parroco stava celebrando la messa e ha interrotto la funzione. Il 44enne è stato fermato dai carabinieri che lo hanno prima portato in ospedale e poi denunciato. Da quanto ricostruito il fatto è avvenuto nel pomeriggio di ieri, lunedì 27 gennaio, nella chiesa “Santi Antonio di Padova e Annibale Maria” di piazza Asti, a Roma. Un cittadino romeno di 44 anni, visibilmente ubriaco, ha fatto irruzione in parrocchia durante la celebrazione della messa. L’uomo è salito sull’altare, dove stava parlando il parroco, e lo ha interrotto improvvisamente. Qualcuno dei presenti deve aver immediatamente allertato i carabinieri che sono giunti poco dopo e hanno bloccato lo straniero.

L'ubriaco è stato porato in ospedale

Sul posto sono infatti arrivati i militari della stazione San Giovanni che sono riusciti a immobilizzare l’uomo, in evidente stato di alterazione dovuto ai fumi dell’alcol. I carabinieri hanno chiamato anche un’ambulanza del 118 che si è occupata del trasporto in ospedale del disturbatore. Una volta passata la sbronza, questi è stato denunciato dai militari per turbamento di funzione religiosa. Momenti quindi di terrore per i fedeli che stavano assistendo alla messa nella chiesa dei Rogazionisti del Cuore di Gesù. Anche perché non è la prima volta che durante una funzione religiosa qualcuno entra in chiesa e semina il panico.

I fatti precedenti

Come per esempio era avvenuto lo scorso aprile a Senigallia, in provincia di Ancona, dove un uomo, anche lui straniero e ubriaco, dopo aver spaventato persone in mezzo alla strada, era entrato in parrocchia e aveva terrorizzato i fedeli presenti. L'uomo si era infatti seduto nella prima panca e aveva iniziato a inveire contro il sacerdote, disturbando ovviamente la funzione religiosa. Le forze dell'ordine, non senza difficoltà, erano riuscite a bloccare lo straniero e a riportare la calma.

O ancora, quando a ottobre un ubriaco era entrato in sagrestia a Ercolano, comune in provincia di Napoli, e aveva molestato i bambini che stavano seguendo la lezione di catechismo. L'uomo aveva anche aggredito con schiaffi e spintoni il prete che aveva cercato di farlo uscire. A quel punto il prelato era riuscito a prenedere il cellulare e allertare immediatamente le forze dell'ordine. I carabinieri intervenuti erano poi riusciti a bloccarlo mentre stava cercando di fuggire per le vie del paese.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.