Senigallia, ubriaco in chiesa terrorizza i fedeli: preso straniero

Immobilizzato dagli agenti della polizia di Stato, l'uomo è stato subito trasportato in pronto soccorso a causa del suo stato di alterazione psico-fisica. Per lui una sanzione e una denuncia, oltre ad un provvedimento di daspo urbano

Senigallia, ubriaco in chiesa terrorizza i fedeli: preso straniero

Paura mercoledì pomeriggio a Senigallia (Ancona), dove un cittadino straniero in evidente stato di ebbrezza ha seminato il caos prima per le vie della città e poi all'interno di una chiesa, dove si stava celebrando la Messa.

Stando a quanto riferito dagli inquirenti, la prima a segnalare la presenza di un individuo molesto è stata una negoziante di via Mamiami, che ha addirittura dovuto chiudersi all'interno del suo locale per evitare le intemperanze dell'uomo. Una volta al sicuro la donna ha chiamato subito il figlio, ed in seguito sono state contattate anche le forze dell'ordine.

Quando i poliziotti sono giunti sul posto, del soggetto non c'era più traccia, ma in breve è arrivata un'altra segnalazione.

Questa volta la richiesta di intervento proveniva dalla chiesa della Pace, dove in quel momento si stava svolgendo la Messa. Lasciato il negozio, infatti, lo straniero ha fatto irruzione all'interno del luogo di culto, terrorizzando le persone presenti. Dopo essersi seduto su una panca in prima fila, ha cominciato a gridare ed a inveire contro il sacerdote, disturbando la funzione e mettendo in fuga diversi fedeli.

Gli agenti sono dunque accorsi per fermare il soggetto e riportare la calma, un'impresa poi rivelatasi affatto semplice. Convinto inizialmente a lasciare la chiesa, l'uomo ha poi dato in escandescenze, deciso a rientrare nell'edificio.

Con fatica i poliziotti sono riusciti ad immobilizzarlo prima che riprendesse con le sue molestie, ma è stato comunque necessario ricorrere all'intervento degli operatori del 118, viste le evidenti condizioni di alterazione psicofisica. Quest'ultimo, risultato essere un 50enne sudamericano, tale A.P.J., è stato quindi trasportato in ospedale, dove ha ricevuto le cure del caso. Accusato di interruzione di funzione religiosa, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e ubriachezza molesta, ha ricevuto una denuncia ed una sanzione. Non solo. Nei suoi confronti è scattato anche un provvedimento di daspo urbano da Senigallia, dove lo straniero non potrà fare ritorno per almeno 3 anni.

Il 50enne, in ogni caso, non è stato informato delle sopra citate disposizioni. Ricoverato in ospedale, è infatti riuscito a lasciare il nosocomio ed al momento nessuno sa dove si trovi.

Commenti