Visita il tempio dei mormoni con una pistola in borsa: "A Roma temevo di essere rapinata"

Si è giustificata così una turista italiana di 58 anni, arrivata nella Capitale per incontrare la figlia e visitare il nuovo tempio dei mormoni

Visita il tempio dei mormoni con una pistola in borsa: "A Roma temevo di essere rapinata"

“Avevo paura di essere rapinata”. Si è giustificata così una turista in visita a Roma trovata con una pistola nella borsetta e denunciata per porto abusivo di arma.

La donna, 58 anni, era arrivata nella Capitale per passare qualche giorno con la figlia e con l’occasione, aveva deciso di visitare il tempio dei mormoni, il più grande d’Europa, inaugurato di recente in via di Settebagni, nella zona nord della Capitale.

Proprio nel corso dei controlli di sicurezza all'ingresso del luogo di culto gli uomini del personale di vigilanza privata hanno rinvenuto l’arma, una pistola semiautomatica Beretta calibro 22, nascosta all’interno di una custodia di stoffa per occhiali da sole. La signora, però, si è subito difesa dicendo di aver scelto di portare con sé la pistola, regolarmente denunciata ma appartenente a suo marito, per timore di essere rapinata durante il suo viaggio nella Capitale.

Sul caso indagano ora gli agenti del commissariato di polizia Fidene Serpentara, subito intervenuti sul posto dopo essere stati avvertiti dal personale di sicurezza del tempio. Dovranno verificare l'attendibilità delle dichiarazioni fatte dalla donna. Dichiarazioni che, se fossero confermate, rappresenterebbero un ulteriore prova di come Roma venga ormai considerata una città sempre più insicura dai turisti.

Commenti