In arrivo un gel a base di saliva per prevenire la carie

La carie è una malattia molto diffusa che colpisce il cavo dentale. L’Università di Anhui in Cina ha brevettato un gel composto da un peptide antimicrobico generato direttamente dalle ghiandole salivali che consentirà in futuro di contrastare efficacemente questo problema

La carie è un processo distruttivo lento che colpisce i tessuti duri del dente.

È innescata dall'attacco di alcuni microorganismi che popolano il cavo orale. È una malattia molto diffusa e si stima che colpisca, almeno una volta nella vita, circa il 90% della popolazione mondiale. Non deve essere assolutamente sottovalutata. Se trascurata può infatti portare alla perdita di parecchi denti e ad infezioni molto serie. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è la malattia non trasmissibile più diffusa nel mondo. Quando non trattata porta molto dolore. Nei casi gravi comporta la perdita dei denti. Accompagnata da complicanze ed infezioni rischiose porta al decesso.

La carie può colpire indistintamente uomo ed altri esseri viventi. Dopo la morte il suo processo infettivo si arresta inevitabilmente. Nei primi stadi, la carie è asintomatica. È quando i batteri raggiungono la profondità del cavo dentale che si comincia a percepire la sensazione del dolore associata a ipersensibilità e alitosi. Complicazioni come pulpite, ascesso dentale, cisti, granuloma, gengivite e piorrea possono essere una conseguenza di una carie non curata o trascurata.

questo problema può essere causato da diversi fattori combinati insieme. Ha infatti un'origine multifattoriale. Le principali cause che lo determinano sono la placca, un’alimentazione scorretta, l’abuso di tabacco. Possono contribuire alla sua formazione anche fattori endogeni come la riduzione della saliva e una struttura dei denti che predispone alla sua comparsa. Per contrastarla arriva un nuovo rimedio.

Si chiama H5 ed è uno specifico peptide antimicrobico naturale. È prodotto dalle ghiandole della saliva. È in grado di assorbire lo smalto dei denti e distruggere batteri e funghi che si trovano sulla superficie dentaria. Utile a promuovere la rimineralizzazione dei denti. È stato oggetto di uno studio condotto dalla Università di medicina di Anhui, in Cina. La ricerca completa è stata pubblicata sulla rivista sulla rivista scientifica ACS Applied Materials & Interfaces.

Il team di ricerca cinese ha aggiunto al peptide antimicrobico la fosfoserina, con l'obiettivo di aiutare ad attrarre più ioni di calcio e di conseguenza riparare lo smalto. In una sperimentazione svolta su alcuni molari umani, gli studiosi hanno notato che la fosfoserina combinata al nuovo peptide si assorbe con maggior forza sulla superficie del dente rispetto al solo H5 in forma naturale. Questo gel prodotto dalle ghiandole salivali è una grande conquista perché uccide efficacemente i batteri che si depositano nel cavo dentale e protegge i denti stessi dalla demineralizzazione. Secondo gli studiosi, in futuro le persone potranno applicare questo peptide modificato direttamente sui denti come se fosse un gel.