Emicrania, 4 milioni le donne colpite

Dall'ISS il Libro Bianco che fa luce sulle ricadute negative ai danni delle pazienti

Riccardo Cervelli

Non è un sintomo, ma una malattia neurologica. Inizia con questa precisazione il libro bianco intitolato «Emicrania: una malattia di genere. Impatto socio-economico in Italia», a cura dell'Istituto Superiore di Sanità - Centro di Riferimento per la Medicina di Genere. Come sottolinea la pubblicazione, l'emicrania è una malattia per la quale sono disponibili una grande quantità di informazioni scientifiche e farmaci innovativi, ma che è paradossalmente anche sotto-trattata, nonostante si tratti della seconda malattia più disabilitante secondo l'OMS. La patologia causa gravi disagi nella vita privata e professionale di milioni di persone che ne soffrono e si stima che, solo in Europa, la malattia costi fino a 111 miliardi l'anno. Il quadro clinico inizia a manifestarsi circa 24 ore prima dell'attacco vero e proprio, con una durata fino a 5-6 giorni e sintomi quali stanchezza, irritabilità, depressione e appetito per i dolci - nella fase crescente - e forte dolore (riguardante tipicamente una metà del capo), nausea, vomito, in quella più acuta (dalle 4 alle 72 ore).

Ma chi è colpito da questa patologia? In Italia, si legge nel Libro Bianco, di emicrania soffrono 6 milioni di persone, di cui 4 milioni donne e 2 milioni uomini. Questa disparità tra i sessi ha portato a un riconoscimento dell'emicrania come «malattia di genere».

L'emicrania colpisce soprattutto le donne anche in termini socio-economici, come ha recentemente dimostrato lo studio Gema (Gender&Migraine) del Centro di ricerca sulla gestione dell'assistenza sanitaria e sociale (Cergas) SDA Bocconi, dell'Università Bocconi, presentato a Roma in ottobre e inserito all'interno del Libro Bianco. Uno studio che, come ha commentato Rosanna Tarricone, associate dean della SDA Bocconi e responsabile scientifico del progetto, «si propone di supportare lo sviluppo di politiche sanitarie e socio-sanitarie differenziate rispetto al genere, con l'obiettivo cioè di colmare il gap esistente in una logica di equità redistributiva. Le donne - ha aggiunto la professoressa Tarricone - sembrano essere vittime dei numerosi e fondamentali ruoli che ricoprono a livello sociale. Soffrono di emicrania più degli uomini, ma non possono concedersi il privilegio di assentarsi dal posto di lavoro o accantonare le tradizionali mansioni domestiche».

Il Cergas ha stimato un costo annuale medio per paziente con emicrania pari a 4.352 euro, di cui 1.100 (il 25%) per prestazioni sanitarie, 1.524 (il 36%) per perdite di produttività, 236 (il 5%) per assistenza formale (cioè quella offerta da aziende sanitarie, enti locali, servizi privati profit e non-profit) e 1.492 (il 34%) per assistenza informale (fornita da parenti, amici e volontari). Il costo a carico dei pazienti per farmaci o trattamenti non coperti dal Servizio Sanitario Nazionale sono stati quantificati in 464 euro all'anno.

Quanto ai dati genere-correlati, la ricerca Cergas rivela che le donne italiane che soffrono di emicrania perdono più giorni di lavoro (16,8 l'anno contro i 13,6 dei maschi) e giornate di vita sociale (26,4 contro 20) e sono maggiormente soggette al fenomeno del «presentismo», ovvero a giornate in cui si presentano al lavoro in condizioni di malessere (51,6 giorni contro 35,6). A causa di un reddito inferiore a quello dei maschi, però, spendono meno per diagnosi e cura: 1.132 euro l'anno contro 1.824. Ce n'è abbastanza per alzare l'attenzione per il problema dell'emicrania come malattia di genere, oltre che, ovviamente, come patologia comune.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti