Verza: tutte le curiosità sulle sue caratteristiche benefiche

Verdura tipicamente invernale, la verza è un ottimo antiossidante ed è molto utilizzata nelle diete ipocaloriche perché senza grassi

Verza: tutte le curiosità sulle sue caratteristiche benefiche

Ricca di acqua e sali minerali, povera di grassi e calorie, la verza è un ortaggio invernale che si presta a diversi piatti a tavola. Con il suo gusto fresco e croccante è una vera alleata per il mantenimento della forma fisica: contribuisce a mantenere la linea e arreca tanti benefici all’organismo. Dalla tutela delle difese immunitarie, al cuore, fino alla circolazione. Questa verdura aiuta a smaltire le tossine e ha anche un effetto analgesico. Scopriamo quali sono le sue caratteristiche.

Verza, le caratteristiche

Conosciuta anche con il termine verzotto o cavolo lombardo, la verza è una varietà di pianta simile al cavolo cappuccio. A sancirne la differenza sono le sue foglie crespe, croccanti e con nervature sporgenti. Si tratta di una verdura tipicamente invernale coltivata per la maggior parte nell’Italia meridionale. Non mancano coltivazioni anche al Nord. Per le caratteristiche che possiede, non richiede infatti specifiche peculiarità nei territori in cui cresce.

Oltre ad essere una verdura dal grande sapore, la verza si presta alle diete ipocaloriche: per ogni 100 grammi di porzione contiene solamente 27 Kcal. Nella stessa quantità possiede il 6% di carboidrati e il 2% di acqua. Non contiene grassi e, pertanto, può essere consumata con la consapevolezza di saziarsi senza ingrassare.

Verza, perché fa bene all'organismo

Tanti sini i motivi per i quali non far mancare la verza nella nostra alimentazione. Al suo interno è possibile trovare una miniera di sali minerali come potassio, fosforo, magnesio, calcio e zolfo, grazie ai quali è possibile garantire il buon funzionamento dell’attività muscolare, combattere la sensazione di stanchezza, affaticamento e proteggere le cellule dallo stress ossidativo. Questo ortaggio è anche ricco di vitamine A, C e K con la conseguenza di far bene alla vista, favorire la crescita dei tessuti e alzare le difese immunitarie.

Inoltre, aiuta a prevenire l’invecchiamento, a contrastare la formazione di radicali liberi, ad assorbire il ferro e a produrre i globuli rossi. Non finisce qui. La verza è un ottimo diuretico e antiossidante e la presenza di fibre favorisce la regolamentazione dell’attività intestinale. Fa bene alla circolazione del sangue, al cuore, aiuta a combattere i sintomi dell’influenza e, se mangiata col miele, aiuta a combattere anche la raucedine.

Curiosità sulla verza

Sull’utilizzo della verza ci sono alcune storie particolari relegate al mondo greco e romano. Secondo la mitologia greca, questa verdura è nata dalle gocce di sudore di Zeus, motivo per il quale veniva utilizzata come pianta medicinale. I romani invece la utilizzavano prima della partecipazione ai banchetti: la mangiavano cruda in modo da poter reggere meglio le grandi quantità di alcol.

Commenti