Sguardi «vestiti» di piccole imperfezioni Tutti diversi

«Il volto umano è naturalmente asimmetrico. Una caratteristica unica e affascinante, che ho scoperto per caso, confezionando il mio primo paio di occhiali», racconta Luca Pagni (lucapagni.it). Noto tra i clienti come il «curatore», il designer aprì il suo primo negozio a vent'anni, a Milano. «Trattavo solo accessori ricercati, di nicchia, poi un giorno arrivò un appassionato che, affidandosi al mio gusto, mi chiese di modificare un suo modello. Precisai che non ero un tecnico e che ignoravo la materia, ma mi convinse e il risultato sembrò un disastro irrecuperabile: le lenti, i colori e la forma, tutto era diventato asimmetrico. Imbarazzato riportai l'oggetto al cliente, che se ne innamorò all'istante. Da lì le mie collezioni uomo e donna, uniche al mondo per questa loro particolarità, realizzate artigianalmente in Italia e certificate dall'Istituto della Tutela dei Produttori Italiani». Da quattro anni, dunque, Pagni veste lo sguardo con opere d'arte dai dettagli peculiari, con modelli che, talvolta, presentano minuscole imperfezioni, frutto delle finiture realizzate a mano dagli artigiani veneti, a conferma della loro preziosità e singolarità. Comfortevoli e leggeri, le novità 2017 sono gli occhiali La grande bellezza (maschile) e 2017/1 (femminile), proposti nelle versioni vista e sole, in acciaio AISI, acetato Mazzucchelli e lenti Carl Zeiss vision in nylon sfumate con antiriflesso interno. Tra le nuove proposte anche due rivestimenti in razza, creati ad-hoc per la produzione del modello 2017/1. (Prezzi da 270 a 350 i modelli normali e da 450 a 600 i modelli rivestiti che sono Limited Edition).

MTiz

Commenti