Soccorso rosso Arrivano i sondaggi «salva Burlando»

E’ l’isteria dei numeri. Quelli dati in campagna elettorale dai candidati e dai loro entourage, quelli sfornati quasi quotidianamente dalle case sondaggistiche che, anche a livello nazionale, stanno monitorando il caso Liguria: una tre le regioni incerte in vista della tornata elettorale di fine marzo, tanto da diventare una sorta di laboratorio. Da studiare e analizzare. Fino a ieri praticamente tutti gli istituti demoscopici hanno dato risultati che premiano il ritorno di Sandro Biasotti alla presidenza della Regione con scarti in suo favore del 2, 3 per cento rispetto ai voti raccolti dall’attuale governatore Claudio Burlando, Udc compresa. Ieri, invece, il Secolo XIX ha pubblicato una nuova inchiesta che lo stesso quotidiano ha commissionato ad una società ligure «The Real Politics live.com» un sito web che si occuperebbe di sondaggi in Liguria e che dà una visione diametralmente opposta della situazione rispetto a case sondaggistiche nazionali come Swg, Istituto Piepoli e Euromedia research. Burlando sarebbe al 52,8% a fronte del 47,2% di Biasotti.
Un risultato che il candidato del centrodestra ha catalogato come «patacca». «Patacca perché non la premia?», «No, patacca perché quella casa sondaggistica non è nemmeno registrata e quindi poco attendile per non dire nulla» replica il presidente. La società, tra l’altro, è di proprietà della Compagnia Pietro Chiesa guidata da Tirreno Bianchi attuale consigliere regionale del Pdci e candidato anche alle prossime regionali. Test che quindi potrebbe essere viziato dall’origine della fonte e che Biasotti ritiene inconsistente: «Sa tanto (...)
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.