Morto il pianista Ezio Bosso. Così ha commosso l'Italia

Si è spento a 48 anni dopo una lunga malattia. L'amore infinito per la sua arte: "Studio ciò che non suonerò mai"

La notizia è arriva come una doccia fredda. All’età di 48 anni è venuto a mancare Ezio Bosso. Direttore di orchestra, compositore e pianista, è morto a causa di una malattia neurodegenerativa e, da anni, si era aggrappato alla vita con le unghie e con i denti pur di tornare a suonare e di emozionare con la sua musica. Ma così non è stato. Con un talento innato, Ezio Bosso era diventato uno degli esponenti più rappresentativi del panorama musicale italiano. Amato da tutti per la sua estrema sensibilità, ha affrontato sempre con il sorriso sulle labbra la malattia ma, purtroppo, non è riuscito a vincere la sua lotta. La musica piange un’artista completo, capace di far emozionare con noti calde e suadenti. Ezio Bosso infatti è stato da sempre identificato come il musicista che ha incantato l’Italia.

Nato a Torino il 13 settembre del 1971, ha sempre affermato di essere diventato un pianista per caso. Nel 2016 ha trovato la sua popolarità quando è stato invitato da Carlo Conti come ospite d’onore al Festival di Sanremo. Conquista tutti sul palcoscenico dell’Ariston quando ha eseguito "Following Bird", hit che è stata inserita poi nel suo album "The 12th Room". L’album era stato pubblicato qualche mese prima senza suscitare clamore, ma grazie alla sua comparsata al Festival, per Bosso comincia la scalata verso il successo. La malattia gli è stata diagnosticata nel 2011, dopo un intervento di cancro al cervello. Da principio la patologia era stata identificata come SLA, ma solo successivamente i medici hanno confermato che si trattativa di una patologia ben peggiore.

Ezio Bosso però non si è dato per vinto. Anzi ha continuato a fare musica e ha continuato ad emozionare il suo pubblico. Il suo ultimo album di studio è stato "Grazie Claudio", un omaggio a Claudio Abbaddo, compositore scomparso cinque anni fa e a cui Bosso era molto legato. Lo scorso settembre aveva annunciato al pubblico di dover dire addio al pianoforte a causa della sua malattia, lasciando ai suoi ammiratori un messaggio triste ma di grande speranza. "Se mi volete bene, non chiedetemi più di sedermi al pianoforte e suonare – aveva rivelato Ezio Bosso-. Tra i miei acciacchi ho anche due dita fuori uso. Se non posso suonare il pianoforte è meglio lasciar perdere". Una carriera breve, intensa ma sfortunata. È stato anche membro della Europaean Union Youth Orchesta come artista italiano più prestigioso al mondo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

colian

Ven, 15/05/2020 - 10:23

Come tutti i grandi artisti VERI, è stato trascurato, se non ignorato, dalle Istituzioni.

steacanessa

Ven, 15/05/2020 - 10:32

Ci ha lasciato un vero musicista. Spero che ci sia un aldilà dove possa continuare nella sua arte.

Beatlesforever

Ven, 15/05/2020 - 10:39

R.i.p. ti ho seguito in questi anni anche perché sono appassionato di musica classica. Hai affrontato la malattia con una dignità ... straordinaria..ci servisse da esempio per noi che ci lamentiamo per nulla.

ruggerobarretti

Ven, 15/05/2020 - 11:12

Mi associo alle condoglianze per questo grande artista e soprattutto UOMO.

SPADINO

Ven, 15/05/2020 - 11:20

GRANDISSIMO DOLORE

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 15/05/2020 - 11:33

È andato a dirigere il coro degli angeli in paradiso.

perriv49

Ven, 15/05/2020 - 11:40

Se non fossi stato bersagliato dalla sfortuna,saresti stato il piu'grande al mondo in assoluto.Non ti dimenticheremo mai.Ma tu continuerai a suonare con gli angeli lassu'.

27Adriano

Ven, 15/05/2020 - 11:51

Vola in alto, grandissimo Uomo e Maestro!

giudrago

Ven, 15/05/2020 - 12:08

Un grande vero UOMO e direttore d'occhestra, la storia parlerà di te e della tua virtù. Che il Signore ti abbia in gloria.

Malacappa

Ven, 15/05/2020 - 12:55

Grandissimo artista italiano R.I.P

Tarmacco

Ven, 15/05/2020 - 14:16

La televisione ha usato la sua malattia per fare audience... un po' come la cecita' di Andrea Bocelli. Nessuno dubita della sua bravura, ma sarebbe rimasto sconosciuto ai piu' non fosse stato per la sua debolezza fisica. Triste.

aldoroma

Ven, 15/05/2020 - 15:04

Un SIGNORE

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 15/05/2020 - 18:26

Il Bel Paese ... Paradiso Terrestre dei "NEMO PROPHETA IN PATRIA". Che i suoi "arpeggi" sollevino le anime in Paradiso costrette a vedere l'Inferno in Terra. RIP

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 15/05/2020 - 18:31

@tarmacco 14.16: ha enucleato bene il "nòcciolo" della questione: come del maiale non si butta via niente così l'audience prima di sputare i semi spreme per bene il resto del limone. Ossequi.