Aristocratiche indiscrezioni

Spunta la voce di un figlio segreto di Vittorio Emanuele di Savoia. Chi è e cosa fa...

Aristocratiche indiscrezioni

Da alcuni ambienti vicini alla nobiltà si vocifera che Vittorio Emanuele di Savoia, figlio di Umberto II, ultimo re d’Italia, imprenditore, autore del libro Casa Savoia:storia di una famiglia italiana, sposato con Marina Ricolfi Doria dal 1970, abbia, oltre a Emanuele Filiberto di Savoia, un figlio segreto. Sarebbe nato dalla relazione con un’avvocatessa, conosciuta più di 20 anni fa, che avrebbe seguito Vittorio Emanuele a livello legale e che oggi ricopre una carica importante a livello giudiziario. Si tratterebbe di Lorenzo Orsini, 22 anni, studia Legge , è quasi arrivato alla Laurea ed è un ragazzo di grande talento, sia negli studi, che a livello musicale. Vittorio Emanuele non lo avrebbe mai riconosciuto e avrebbe fatto con la madre un accordo secondo il quale avrebbe visto il figlio sino all’età di 3 anni, cosa che avrebbe fatto. L’ultimo incontro tra Lorenzo e il suo padre naturale sarebbe avvenuto a 15 anni; Lorenzo conserva ancora il regalo di suo padre, un orologio, poi il nulla. In arte iamLollo G, Lorenzo ha, sul suo profilo Instagram, ben 137.000 followers, ed è molto attento alle cause sociali.

Come rapper, infatti, ha devoluto i proventi del suo singolo “Primavera”, uscito ad aprile dello scorso anno, al Policlinico per la lotta al Covid 19. In poco tempo è entrato nel circuito dei grandi, arrivando a collaborare anche con artisti del panorama hip hop internazionale. Seguitissimo sui suoi social da molte celebrities, è originario di Formigine, un piccolo centro nella provincia di Modena. E’ molto a suo agio sul palco e, sin dall’età di 16 anni, ha aperto i concerti di molti artisti, come Ghali, Gue Pequeno, Achille Lauro ed è stato insignito, nel 2021 per la sezione “Indipendenti” da Indieffusione, del Premio Lunezia. Lorenzo, sempre secondo l’accordo tra sua madre e il padre naturale, potrebbe raccontare la sua vera storia. Lo farà? E se sì quando e in quale contesto? In fondo, comunque, non ci sarebbe nulla di male; anche le famiglie di nobile stirpe sono colme di figli nati fuori dal matrimonio, frutto di relazioni extraconiugali, o riconosciuti dai loro padri dopo anni e anni, ma restano comunque figli. Come la prenderà Casa Savoia?

Commenti