Coronavirus, Clio Zammatteo piange: "Scappati da New York, non so cosa ne sarà di noi"

La make up artist Clio Zammatteo racconta il delirio americano per l'emergenza coronavirus e scoppia in lacrime: "Siamo fuggiti, ho paura"

La nota esperta di make up, Clio Zammatteo – meglio nota sui social con il nome di Clio Make Up – ha raccontato su Instagram il momento delicato vissuto dalla sua famiglia in America, in piena emergenza coronavirus.

Clio, che ha una bambina di due anni ed è in attesa della seconda figlia, non è riuscita a trattenere le lacrime e, spiegando di essere fuggita da New York per la reazione della gente che ha iniziato a prendere d’assalto i negozi di armi e non i supermercati, ha ammesso di avere molta paura per ciò che ne sarà di lei e della sua famiglia.

Originaria di Belluno, la Zammatteo vive da anni nella Grande Mela che, oggi però, non considera più una città sicura. “Non siamo più a New York. L’altro ieri sera abbiamo avuto un momento in cui ci siamo sentiti un po’ persi io e Claudio – ha iniziato a raccontare la make up artist visibilmente scossa - . New York non è più una città sicura per noi perché, quando inizia a vedere la gente che inizia a comprare armi facendo le file fuori dai negozi, quando pensi al livello di povertà che c’è nelle città, quando capisci che il popolo americano non è per niente uguale a quello italiano, abbiamo iniziato ad avere paura più che del virus, della reazione della gente e di quello che poteva succedere attorno a noi”.

Clio Zammatteo con la figlia e il compagno Claudio, quindi, hanno deciso di trasferirsi dalla loro “seconda famiglia” in America, che vive in campagna, e qui lei ha spiegato di sentirsi più al sicuro. Non riuscendo più a trattenere la paura, le lacrime hanno iniziato a rigare il volto della make up artist. “Non so cosa ne sarà di noi perché qui non ho niente, non ho un dottore...però mi sento sicura. Adesso, in questi giorni cercheremo di capire un po’ la situazione visto il parto imminente...Però, ragazzi, è dura! – ha concluso Clio spaventata dalla situazione venutasi a creare - . Come si dice in Italia: andrà tutto bene”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di blackwater

blackwater

Gio, 19/03/2020 - 12:00

nella tanto favoleggiata quanto neppure tanto vera facilità all'acquisto di armi da parte dei privati negli USA, NYC è l'unica eccezione con una normativa assolutamente proibitiva. Quindi,se il motivo per lasciare NYC doveva essere quello...tal Clio ha decisamente sbagliato "indirizzo".