Dakota Johnson fotografata da Gia Coppola: "Un universo intimo"

Dakota Johnson ha conquistato la copertina di Grazia posando e parlando della sua amica Gia Coppola: "Abbiamo frequentato gli stessi posti, respirato l’atmosfera del cinema grazie alle nostre famiglie"

Il magazine Grazia, nel numero in edicola questa settimana, ospita le immagini di un incontro speciale e dell’amicizia tra l’attrice della saga delle 50 sfumature, Dakota Johnson, e una fotografa tra le più amate dallo star system, Gia Coppola.

"Siamo cresciute a Los Angeles, abbiamo frequentato gli stessi posti, respirato l’atmosfera del cinema grazie alle nostre famiglie. Questo set, però, è per noi un debutto, è la prima volta che formiamo una squadra. E devo dire che è stata una scoperta. Sono rimasta molto colpita dal modo in cui Gia interpreta e trasforma la realtà con le sue immagini", ha spiegato Dakota Johnson.

E a proposito del set, una casa della famiglia Coppola, ha aggiunto: "La mia sensazione è stata quella di entrare da privilegiata in un universo molto intimo. Mi hanno incuriosito tutti gli oggetti, si vede che sono stati scelti nel tempo con grande passione". Dakota Johnson ha anche raccontato a Grazia del suo incontro col regista Luca Guadagnino, con cui ha lavorato per il remake di Suspiria di Dario Argento, al cinema in autunno: "Gli sono molto affezionata e mi ritengo fortunata ad aver condiviso tante esperienze con un professionista come Luca. Ci piace confrontarci e metterci reciprocamente alla prova. Spero proprio che non ci mancheranno le occasioni per continuare a collaborare. Anche perché accanto a lui ho l’impressione di crescere e maturare, non solo come attrice, ma anche come persona. Grazie a Luca sento che potrei avere una seconda vita italiana. Non sarei riuscita a scoprire e capire niente di questo Paese senza il suo aiuto".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.