"Dio non è cattolico, ma forse neppure Papa Francesco lo è"

Il j'accuse del filosofo: "Bergoglio non ha aggiornato la dottrina, l'ha demolita"

Se Costanza Miriano è la mia madrina spirituale, Flavio Cuniberto è il filosofo che non sono, lo studioso coi quattro quarti di dottorale nobiltà, il professore universitario che scrive di cattolicesimo contemporaneo così come di romanticismo tedesco, l'autore di saggi su Friedrich Schlegel, di cui se mi concentro riesco a ricordare l'esistenza, e su Jacob Böhme, per il quale devo ricorrere obbligatoriamente a Wikipedia. Non me ne vergogno: solo Dio è onnisciente. Ma sono consapevole di essere un cattolico di strada e la seconda intervista di un Cattolico Perplesso, ossia di un semplice cristiano turbato dalle contraddittorie novità che diuturnamente giungono da Roma, e perciò assetato di certezze, la faccio a un cattolico accademico.

La prima domanda è uguale per tutti. Da quando un imam ha parlato nel duomo di Parma, raccontando dal pulpito la fola di Maometto uomo di pace (col prete a fianco assentente e zittente l'unico fedele che ha osato obiettare), io non vado più a messa nel duomo di Parma: faccio bene o faccio male?

«Trovo inammissibile la presenza in cattedra di un imam, o di qualunque altro dignitario religioso non cristiano, nel corso di una liturgia cattolica. Ciò non ha a che fare col rispetto, che nel mio caso è massimo, per le religioni non cristiane, ma col rischio enorme della confusione tra le fedi religiose (chiamalo sincretismo o come vuoi). Perché allora non concelebrare la messa insieme a un rabbino, a un imam, a un pastore luterano?».

Ad Assisi, durante gli incontri ecumenici, ci sono arrivati vicino.

«Ne siano o meno consapevoli, le autorità cattoliche che promuovono queste iniziative si muovono sulla scia del famigerato Parlamento delle religioni, celebrato a Chicago nel 1893 su iniziativa della Teosophical Society. Così il culto religioso diventa una commedia dell'arte, con le varie maschere sul palcoscenico. Sulla domanda circa il duomo di Parma sono in difficoltà. Alla fine direi: la messa cattolica è la somma convergente delle due liturgie, la parola e l'eucarestia. Fino a quando non toccheranno i due capisaldi non importano né il luogo né l'omelia né il celebrante».

Tu sei corresponsabile del mio sbigottimento. In Madonna povertà. Papa Francesco e la rifondazione del cristianesimo scrivi che la Evangelii gaudium e la Laudato si' sembrano «un programma rivoluzionario nel senso più giacobino della parola: un dittico post-cristiano». Con la Amoris laetitia abbiamo un trittico?

«Certo, con la Amoris laetitia abbiamo un trittico giacobino che sovverte il vecchio ordine per aprire una nuova era. Si potrebbe introdurre un nuovo calendario: siamo nell'anno quarto dell'Era Bergoglio».

Papa Francesco ha detto che Dio non è cattolico. Questa affermazione ispira una domanda antipatica: Papa Francesco lo è?

«Ha ragione Bergoglio a dire che Dio non è cattolico (Dio non va a messa): ma neanche Bergoglio è cattolico. Naturalmente si comporta come se lo fosse, ma non lo è. Per ragioni che non è possibile riassumere in una breve intervista (i colpi di maglio che ha inferto ad alcuni punti-chiave della dottrina cattolica sono tali che non ha senso parlare di aggiornamento: si tratta di una vera e propria demolizione)».

Mi piacerebbe si riparlasse di cattocomunismo, parola che nessuno usa più proprio ora che la cosa dilaga. Tu hai scritto che la Evangelii gaudium torce il Nuovo Testamento per fargli dire ciò che si vuole dica: beati i poveri nel senso sociopolitico del termine. Se non è cattocomunismo questo...

«L'idea stravolta di povertà che esce dai documenti papali (facendo strage della Scrittura) eleva alla sfera dogmatica il vecchio pauperismo cattolico. Che si possa parlare di cattocomunismo ho qualche dubbio, il discorso di Bergoglio sull'appianamento delle disuguaglianze somiglia piuttosto alla strategia della sinistra tardo-capitalista, i cui magnati, da Bill Gates a Soros, finanziano ONG a tutto spiano. L'elemento rivoluzionario non è tanto l'ideologia marxista ma la sovversione dei vincoli tradizionali (la famiglia naturale ad esempio), la sparizione del concetto di peccato e un materialismo di fondo, corretto in senso panteistico».

Un dettaglio della Laudato si' che mi ha gettato nello sconforto è stato l'elogio della raccolta differenziata. Manca solo la maledizione contro gli inceneritori ed ecco il programma dei Cinque Stelle. Perché la Chiesa spreca le proprie energie in questioni così tecniche, così opinabili e così lontane dal cuore della fede?

«La pagina dell'enciclica ha dell'incredibile: le virtù del buon consumatore tardomoderno diventano le nuove virtù evangeliche. Temo che la Chiesa, non solo Bergoglio, si aggrappi a questi temi perché ha la sensazione di affondare e crede di trovare lì un punto d'appoggio, un surrogato identitario. In effetti sta affondando perché ha perso di vista (nei documenti papali è evidente) la propria dimensione spirituale. Non esiste più una spiritualità cristiana, se non in poche oasi marginali. L'esperienza del divino è totalmente ignorata nei documenti papali (non basta citare di qua e di là le fonti canoniche: questa è routine protocollare). Vedo, per dirla tutta, un ateismo strisciante, che arriva al vertice della gerarchia. Il discorso del papa a Cracovia è stato, in questo senso, esemplare. Non esiterei a definirlo il discorso di un papa ateo».

Tu che vivi a Perugia e insegni Estetica in quell'università, come te la spieghi la chiesa di Fuksas a Foligno, quella specie di centrale nucleare conficcata nel cuore dell'Umbria che sta facendo scappare i fedeli? Non dal punto di vista di Fuksas, che fa il suo mestiere di architetto nichilista, ma da quello dei vescovi della Cei che l'hanno approvata...

«Il problema, come giustamente sottolinei, sono i vescovi. Occupandomi di Estetica aggiungerei che lo scadimento pauroso della cosiddetta arte sacra è lo specchio di una crisi spirituale. Perché la bellezza appartiene alla dimensione spirituale. Una vecchia formula dice: Ars orandi, ars credendi (Dimmi come preghi e ti dirò quale è la tua fede). Ne propongo una parafrasi: Ars aedificandi, ars credendi (Dimmi come costruisci le tue chiese e ti dirò qual è la tua fede). Il cemento di Fuksas è una prova dell'esistenza del Maligno».

***

La prima intervista della serie «Un cattolico perplesso» è uscita il 20 settembre. La prossima e ultima uscirà martedì 4 ottobre

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Mar, 27/09/2016 - 10:20

ekko altri che si credono ma*N*ometto, ma siamo al terzo millennio e per quanto si sforzino di lasciare segni tangibili sul loro passaggio terreno, già i loro nipoti faticheranno a ricordarsi di loro.

abocca55

Mar, 27/09/2016 - 11:20

Dio, l'Assoluto, non può essere cattolico o protstante o islamico. Dio è la FONTE CREATRICE, non possiamo metterlo in scatola. Svegliatevi!

routier

Mar, 27/09/2016 - 11:34

Se il cattolicesimo è quello generato nel terzo millennio e da Don Bergoglio, allora non mi ci riconosco più. (e credo di essere in numerosa compagnia)

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 27/09/2016 - 13:29

Idem. Se il cattolicesimo e' questo papocchio dispensato da bergoglio denoto che quello che mi hanno insegnato per tutta la vita non e' compatibile e quindi non mi riconosco.

maurizio50

Mar, 27/09/2016 - 13:41

Una cosa è certa: il Parroco Argentino quanto a preparazione dottrinale non arriva nemmeno ad una unghia di quella del predecessore!!!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 27/09/2016 - 13:53

SE; LE RELIGIONI MONDIALI VOGLIONO FESTEGGIARE UN MATRIMONIO QUESTO PUO ESSERE UN MOTIVO PER AVERE LA PACE MONDIALE; MA SE UNA RELIGIONE VUOLE CANCELLARE LE ALTRE É METTERSI AL POSTO DI QUESTE; ALLORA INVECE DI GENERARE LA PACE QUESTO MATRIMONIO GENERERÁ LA 3 GUERRA MONDIALE! PERCHE NOI CRISTIANI CHE ABBIAMO COMBATTUTO 570 BATTAGLIE CONTRO I MUSULMANI PER DIFENDERE IL CRISTIANESIMO É LA NOSTRA LIBERTÁ; NON BUTTEREMO VIA LA NOSTRA RELIGIONE PER FAR POSTO AD UNA RELIGIONE SANGUINARIA CHE TIRANNEGGIA TUTTI I POPOLI DOVE É ARRIVATA AL POTERE!É IL PAPA FRANCESCO CHE SEMBRA PIU UN IMAM HA GIA PERSO 2 CREDENTI SU 3 ALLE SUE UDIENZE IN SAN PIETRO; É FAREBBE MEGLIO A TORNARSENE IN ARGENTINA PER IL BENE DELLA CHIESA!.

Popi46

Mar, 27/09/2016 - 13:53

Ma la Curia Vaticana che fine ha fatto? Con Giovanni Paolo I è stata rapidissima, perché con sto tizio no? Ah,già,dimenticavo, lui sta a Santa Marta. Popi46

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 27/09/2016 - 13:53

abocca 55 si vede che lei lo conosce bene per fare queste asserzione.

Santippe

Mar, 27/09/2016 - 14:10

Santippe. La Chiesa ha i suoi progetti, quindi vada dove vuole. Il problema è che l'Italia non ha gli stessi interessi non deve farsi trascinare in questi universalismi. La Chiesa non può usarla come piattaforma di lancio per i suoi obiettivi. Pertanto è necessario e urgente ridurne la presenza, i privilegi e l'influenza, di cui finora le abbiamo concesso di godere.

egi

Mar, 27/09/2016 - 14:21

Vergognoso e schifoso.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 27/09/2016 - 14:27

Ho già detto in passato che su questo Papa ho molte perplessità, sia sulle doti intellettuali, sia in quanto a cultura ed anche sulla preparazione teologica. Perfino un ateo come Odifreddi, in una recente intervista, ha dichiarato: "Ratzinger aveva una profondità di pensiero. La statura intellettuale di Papa Francesco lascia perplessi. Quando parla, mi cadono le braccia. La misericordia, il vogliamoci bene, l'amore: sono cose talmente banali.". Appunto.

fisis

Mar, 27/09/2016 - 14:41

Riassumendo, come avevo commentato tempo fa, un Papa marxista (forse - segretamente - addirittura comunista), terzomondista, ecologista radicale. Apparentemente anche filoslamico. Poteva capitarci di peggio in una fase storica di espasione dell'islam, che rischia di sommergerci fisicamente e distruggere, insieme al cristianesimo, la nostra stessa civiltà occidentale?

eras

Mar, 27/09/2016 - 14:54

Le religioni dicono cose diverse... non dobbiamo farne un miscuglio.

agosvac

Mar, 27/09/2016 - 15:22

Egregio abocca55, lei ha detto una cosa giustissima.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 27/09/2016 - 17:07

IO lo conosco poco ma credo sia filo islamico,ridateci Ratzinger era un papa cristiano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/09/2016 - 19:19

Dio è unico per tutte le religioni monoteiste, non solo per i cattolici. Bergoglio, non so, cattolico non mi sembra. Da come parla e dall'accento, direi di più musulmano.

46gianni

Mar, 27/09/2016 - 21:16

DIO E' CATTOLICO E' BERGOGLIO CHE NON LO E'. va a togliere l'erba nelle pampas con le mani(svergoglio)

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 27/09/2016 - 21:31

Già... Dio... Chi l'ha mai visto? E un tempo, quando lo invocavo, non mi ha mai risposto. Non è che sia tutta un'invenzione, una fonte di potere per strumentalizzare?

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Mar, 27/09/2016 - 21:50

Cianfresco è massone !

Ritratto di eqcman

eqcman

Mar, 27/09/2016 - 23:01

Quella di bergolo è una religione tipicamente sudamericana che qui in Italia nei primi anni 70 aveva attecchito nei giovani preti di allora cosiddetti "operai" per intenderci quelli che officiavano nelle parrocchie più povere e periferiche delle città. Ricordo che a noi preadolescenti che frequentavamo l'oratorio e seguivamo d'obbligo il catechismo, anziché parlarci dei precetti religiosi ci propinavano documentari relativi alla guerriglia in Bolivia e alle pie opere di tal ce guevara. Ciò fino in età matura mi ha sempre lasciato il dubbio che costoro avessero sostituito nella fede Gesù Cristo con il citato comandante. Dubbio immediatamente fugato con l'avvento di don bergoglio.

forbot

Mar, 27/09/2016 - 23:08

Questi commenti più che far conoscere il pensiero di ognuno di noi, sembrano tante sentenze di giudici in cattedra. Siamo diventati tutti giudici. Anche molto severi. Forse abbiamo dimenticati tutti gli altri Papi avuti in precedenza, ognuno con pregi e difetti, eppure la Chiesa di Gesù Cristo è viva e si aggiorna nei secoli. Abbiate Fede !

PaoloPan

Mer, 28/09/2016 - 02:39

Il Dio cattolico esiste e si chiama Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo. Bergoglio indubbiamente non è cattolico, in quanto non crede che Gesù Cristo sia vero Dio e vero Uomo, il SOLO Salvatore dell'umanità. Bergoglio propaganda il sincretismo: tutte le religioni sono buone per salvarsi!!! rinnegando così Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fattosi uomo, morto in croce per la salvezza degli uomini. Tutti i cristiani dovrebbero pregare per la salvezza dell'anima di Bergoglio, perché è in gravissimo pericolo!!!

FRANKBENELLI

Mer, 28/09/2016 - 08:18

Dopo aver letto i 16 commenti che precedono il mio, m'è parso trattarsi di 16 stralci dei rebus che la settimana enigmistica propone settimanalmente ai lettori. Le cui soluzioni si trovano , di norma, nell'ultima pagina, inesistente ne il Giornale. Perdonatemi lo stravagante termine di confronto, tuttavia la storia insegna (con riscontri innegabilmente oggettivi) che la sola funzione delle religioni è quella di far andar fuori di melone gli ingenui che ancora credono alle favole in cui il mistero prevale su tutto. Bergoglio? Un povero paesanello inidoneo alla carica che gli è stata conferita.

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 28/09/2016 - 08:35

questo prete è islamico che punta ad islamizzare l'europa

gneo58

Mer, 28/09/2016 - 08:47

questa specie di papa non sa neppure lui di cosa parla - e nessuna religione a questo modo persegue il fine di Dio.

FRANKBENELLI

Mer, 28/09/2016 - 16:58

Gentile Sr. Paolo Pan, vedo che Lei è ferratissimo in materia. Le dispiacerebbe spiegare all'ignaro sottoscritto il momento in cui si "rivela" la Santissima Trinità? Ovviamente non prima della nascita di Gesù, terzo "elemento" indispensabile per formare la Sacra "Triade". Non si ha notizia sul punto se non l'annunciazione di un improbabile Arcangelo Gabriele a Maria....Certo che la (smisurata) fantasia non manca, culminante nell'immagine di Cristo ( lo spirito...ovviamente)) che sale al cielo e "siede alla destra" (alla destra!!!) del Dio Padre Onnipotente, seduto anch'Egli (sempre in cielo, Galassia di primissima?) come un ordinario essere umano. Ma dai...Non trova, Sr. Paolo Pan, alcunché di (...) Una forzatura, insomma?

FabioB

Gio, 29/09/2016 - 17:25

Buonasera Dr. Langone, articolo interessante ma mi consenta una obiezione: "Ha ragione Bergoglio a dire che Dio non è cattolico (Dio non va a messa)". In realtà, senza Dio che si fa presente nell'Eucarestia non c'è Messa.