Elena Santarelli: "Così ho scoperto che mio figlio non stava bene"

Lo scorso dicembre Elena Santarelli ha comunicato a tutti i suoi fan che suo figlio sta passando un momento difficile, ora spiega come ha capito che c'era qualcosa che non andava in lui

Il 2017 non si è concluso nel migliore dei modi per Elena Santarelli, la bellissima showgirl e il marito, infatti, a dicembre hanno scoperto che qualcosa non andava nel figlio.

Ed era stata proprio lei ad annunciarlo con un lungo post su Instgram, post che aveva fatto discutere e che poi è stato rimosso: "Una diagnosi che un genitore non vorrebbe mai sentirsi pronunciare dai medici ma con cui abbiamo dovuto cominciare a farci l’abitudine, non voglio entrare nei particolari ma voglio solo dire grazie a tante persone". Immediatamente, le parole della Santarelli avevano fatto il giro del web e gli utenti avevano iniziato a fare ipotesi - il più delle volte fuori luogo - sulle condizioni del figlio della showgirl, condizioni sulle quali Elena non era voluta scendere appositamente nei particolari.

Ma queste ipotesi - sbagliate - hanno fatto infuriare la Santarelli che dal canto suo chiedeva soltanto un po' di rispetto in un momento così delicato. Poi quel post è sparito e Elena, insieme alla sua famiglia, è andata avanti in questa battaglia. Si è chiusa nel suo silenzio per preservare il figlio e le sue condizioni di salute, ma nonostante tutto ha sempre risposto a tutte quelle mamme che si trovano nella sua stessa situazione e che quindi le chiedono informazioni. Dopo il post della Santarelli, infatti, decine di madri hanno domandato alla showgirl come fare per scoprire se il proprio bimbo ha qualche problema.

Ora, tra una domanda e l'altra, Elena ha deciso di rispondere. "Non voglio entrare nel particolare - scrive la Santarelli -. Istinto materno e fortuna chiamialola così di avere dottori esperti e scrupolosi. Bisogna ascoltare il bambino. Nel senso che una mamma sa quando sta fingendo e non bisogna fare finta di niente perché uno più uno porta a due".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

alfa2000

Mer, 10/01/2018 - 02:45

al posto di dire le solite frasi ....."uno più uno fa sempre due", ma che vuol dire? io ho mio figlio che è autistico, anche io me ne sono accorto a 2 anni, perchè prima nessuno, quindi? allora se proprio pensi di poter aiutare altre persone nel tuo stato,.... parla

fifaus

Mer, 10/01/2018 - 15:55

uno più uno può fare anche undici...