Elena Santarelli sul problema del figlio: "Conosce la verità"

Elena Santarelli ha risposto ad alcune domande dei suoi fan sulle condizioni di salute del figlio: "Più sereno ora di prima, sa che stiamo combattendo una battaglia"

A fine dicembre Elena Santarelli ha comunicato al pubblico che suo figlio sta poco bene: "Una diagnosi che non avremmo mai voluto sentire".

Immediatamente il suo post aveva allarmato il pubblico e, tra i tanti che le scrivevano per farle sentire il loro appoggio, c'è anche chi ha fatto ipotesi un po' troppo azzardate che hanno fatto infuriare - giustamente - la Santarelli. Così la showgirl ci ha tenuto a precisare che "come altre migliaia di famiglie abbiamo un problema da risolvere e lo risolveremo, mio figlio è bello forte e solare come sempre e noi genitori siamo i primi a guardarlo come un bimbo normale, non lo guardiamo con gli occhi del 'malato'".

E dopo questa precisazione Elena Santarelli ha risposto anche a un utente che le domandava come ha fatto ad accorgersi che suo figlio stava poco bene: "Istinto materno e fortuna chiamialola così di avere dottori esperti e scrupolosi. Bisogna ascoltare il bambino".

Messa da parte la polemica e dopo qualche giorno di silenzio, Elena Santarelli è tornata ad aggiornare i fan sulle condizioni di salute del figlio. "Mio figlio è più sereno ora di prima - ha scritto in queste ore, in risposta alle domande delle follower -. Conosce la verità per quanto un bimbo possa sapere e capire. Ha una mamma e un papà che ridono e sdrammatizzando tutto, che si amano e che lo amano, continua a vivere la normalità sapendo che c'è una battaglia in corso che vinceremo al cento per cento, insomma casa nostra si respira felicità e positività come se nulla fosse".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.