Elodie: "La lite con Masini? Vero, mi ha fatto body shaming"

Elodie conferma la lite dietro le quinte con Marco Masini e lo accusa di averle fatto body shaming: "Sono stanca"

Elodie: "La lite con Masini? Vero, mi ha fatto body shaming"

La notizia sulla lite tra Elodie e Marco Masini dietro le quinte del festival di Sanremo 2020 è stata confermata dalla cantante, che ha accusato il collega di body shaming.

Il Festival appena passato sembra stato il più litigioso di tutti i tempi: iniziato con le polemiche e le accuse di sessismo rivolte ad Amadeus, ha tenuto banco prima con lo scontro tra Fiorello e Tiziano Ferro e poi con quello clamoroso tra Morgan e Bugo. Ma, come spifferato qualche giorno fa da TPI, dietro le quinte della 70esima edizione di Sanremo c’è stato anche un diverbio tra Elodie e Marco Masini. La causa? Una considerazione di quest’ultimo sulla forma fisica della collega.

Oh, ciao: ma quant’è che non mangi?”: con queste parole lui avrebbe salutato Elodie, scatenando una reazione furibonda che è stata confermata proprio da lei. “È vero, Masini mi ha fatto body-shaming, mi ha detto più volte ‘Mangia!’ – ha raccontato l’interprete di Andromeda ai microfoni di RadioDueSocialClub - . Stanca di dovermi difendere da chi pensa che non io non mangi. Sono ancora arrabbiata con lui, me l’ha detto 5 minuti prima di esibirmi, ero tesa”.

Nonostante la lite pare si sia conclusa con una stretta di mano tra i due artisti, dunque, Elodie ha confermato di essere ancora molto arrabbiata con Masini e con chi, così come lui, continua ad attribuire la sua forma fisica smagliante ad ipotetici disturbi alimentari. La cantante, che ha dimostrato di essere fin dalla partecipazione ad Amici una donna schietta e diretta, non è riuscita a mandare giù l’ennesimo attacco sulla sua silhouette e si è scagliata contro Masini.

A questo festival di Sanremo, quindi, si aggiunge un altro scontro di fuoco che continua a riportare l’attenzione sulla kermesse appena passata. Questa edizione, infatti, ha concentrato l’attenzione dell’opinione pubblica per molte settimane e potrebbe continuare a farlo con altri – ipotetici – avvenimenti che, fino ad oggi, sono stati tenuti nascosti al pubblico da casa.