In Rai arrivano i problemi di "Cuori"

Su Rai Uno c'è Cuori, una nuova fiction a sfondo medico che racconta l'Italia a fine degli anni '60. Ogni domenica un nuovo episodio

In Rai arrivano i problemi di "Cuori"

È un autunno molto caldo per le serie tv italiane. Su Rai Uno, in special modo, si respira un’aria di grandi novità. C’è la voglia di intrattenere il pubblico con prodotti di stile ma curati nelle interpretazioni e nelle storie. Oltre a I Bastardi di Pizzofacolne e a Fino all’ultimo battito, da domenica 17 ottobre si unisce anche Cuori. Nella fiction Rai di Riccardo Donna, che ha diretto Un Medico in Famiglia, Non dirlo al mio capo e La Strada di casa, la storia unisce il romance alle emergenze ospedaliere, ambientando la vicenda sotto il cielo di una raggiante Torino durante gli anni ’60. Suddivisa in 8 prime serate, Cuori va in onda ogni lunedì sera per una visione in streaming anche su Raiplay (di cui sono già disponibili in anteprima i primi due episodi).

Di cosa parla la serie tv

Cesare Corvara – interpretato da Daniele Pecci – è il primario dell’ospedale Le Molinette ma è anche il fondatore del primo reparto italiano di cardiochirurgia. È un uomo attraente e dal grande talento, con il solo obbiettivo di fare ricerca per studiare metodi all’avanguardia per curare i malati. Il dottore lavora spalla a spalla con Alberto Ferraris – Matteo Martari visto nella prima stagione de I Medici -. Come Cesare, anche lui è un dottore esperto e dal grande acume, ma è segnato dalla perdita del padre avvenuta in giovane età. Un evento che non riesce proprio a dimenticare tanto da non arrendersi di fronte i limiti della scienza.

Sono gli anni ’60. C’è grande movimento a Torino e c’è la voglia da parte di tutti i medici di lavorare instancabilmente per scrivere una nuova pagina della medicina generale. A scombussolare gli equilibri dell’ospedale ci pensa Delia Brubello (Pilar Pogliatti). Arriva dal Texas dopo un lungo periodo di studi in cui si è specializzata in cardiologia, ma nonostante la sua bravura non riesce ancora a sgambettare in un contesto lavorativo popolato solo da uomini. È stato il dottor Cesare a volerla nel suo team la giovane promessa viene guardata con diffidenza. E il medico, prima o poi, si trova costretto a pagare le conseguenze delle sue azioni.

Un Grey’s Anatomy italiano ambientato nel 1967

Cuori è una serie tv che, a primo impatto, si sposa alla perfezione con il target e il pubblico a cui si riferisce la prima rete Rai. Oltre alle sue emergenze mediche che alla lontana ricordano quelle già viste e riviste in Grey’s Anatomy, la fiction si cimenta soprattutto in un’abile ricostruzione storica di un periodo molto importante per la società di oggi. È anche un racconto sui sentimenti tutto al femminile, sulle lotte per il potere, gli amori sopiti mai dimenticati, e sull’importanza dell’amicizia. Cuori è una serie ambiziosa che ha tutte le carte in regola per farsi strada dal pubblico. Non resta che aspettare le reazioni al primo episodio.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti