L’ira funesta di Meghan Markle contro la regina Elisabetta

Secondo le fonti Meghan Markle non riuscirebbe proprio a digerire l’idea di non poter usare il brand Sussex Royal e sarebbe furibonda con la regina Elisabetta

Meghan Markle non riuscirebbe ad accettare l’idea di non poter usare il marchio Sussex Royal dopo il veto della regina Elisabetta. Stando alle indiscrezioni raccontate da una fonte a Express UK la duchessa di Sussex sarebbe “furiosa” con la sovrana e considererebbe un vero affronto le drastiche misure prese dalla Corona nei confronti dei Sussex. Addirittura Meghan Markle si sentirebbe offesa dalle “meschine richieste” della royal family. L’insider precisa: “Insinuare che Meghan e Harry volessero usare la parola ‘royal’ per arricchirsi è assurdo. Entrambi si sentono insultati” e prosegue: “Meghan ha detto che lei e Harry continueranno a vivere al di sopra di tutte queste meschinità, concentrandosi solo sul bene di Archie. E che sarà sempre dalla parte del marito, la persona più integra e leale che abbia mai conosciuto”.

Inoltre alcuni amici di Meghan Markle avrebbero rilasciato al Daily Mail una dichiarazione in cui sostengono che “Meghan sia convinta che le restrizioni a cui sono sottoposti lei e Harry siano solo una vendetta per la loro scelta di emanciparsi dalla royal family”. L’esperto reale Richard Fitzwilliams confermerebbe questa versione dei fatti rivelando: “La Markle non ha digerito lo schiaffo morale di Elisabetta. È molto scontenta della decisione di Sua Maestà. Non avrebbe mai pensato di dover arrivare a una rottura del genere” e aggiunge: “Sperava in un’uscita di scena meno drastica. Sia lei che Harry volevano rimanere reali a tempo parziale. Volevano usare i loro titoli”.

Altro che “schiaffo morale”. Sembra un vero e proprio “gancio morale”, se pensiamo che i Sussex avrebbero speso migliaia di dollari per il loro sito firmato “Sussex Royal”, per la Fondazione che porta lo stesso nome e per la registrazione del brand che, a quanto sembra, doveva comparire su diversi tipi di merchandising, dalle matite agli zaini, come ci informa Vanity Fair. Per non parlare del profilo Instagram che vanta circa 11 milioni di follower e che si chiama, ancora una volta, “Sussex Royal”. Insomma Meghan Markle e il principe Harry starebbero vivendo molto male l’intera situazione. I Sussex hanno perfino provato a opporsi alla regina Elisabetta scegliendo, però, un modo forse troppo diretto, che rasenta la sfida a viso aperto.

Infatti nella dichiarazione ufficiale sul loro sito possiamo leggere: “Non vi è alcuna giurisdizione da parte della Monarchia o del Gabinetto sull’uso della parola ‘Reale’ all’estero”. Ovvero, secondo il principe Harry e Meghan Markle, la sovrana non detiene alcun diritto sulla parola “royal”. L’esperto Fitzwilliams ha commentato così le parole dei duchi: “Perché chiarire questo punto? Si tratta di un inutile colpo contro la regina”. Magari la sovrana non detiene il diritto d’autore sulla parola “royal”, ma è pur sempre la regina d’Inghilterra. Il principe Harry e Meghan Markle vorrebbero usare un titolo britannico e un trattamento ottenuti dalla sovrana come regalo di nozze. A questo proposito Fitzwilliams chiarisce: “La Regina è intervenuta con questa decisione perché doveva farlo. Harry avrebbe dovuto mostrare più umiltà”.

A quanto pare Harry e Meghan Markle lamenterebbero nel loro comunicato anche una disparità di trattamento rispetto ad altri membri dei Windsor. Il riferimento implicito è alle principesse Eugenia e Beatrice di York, le quali lavorano al di fuori di Buckingham Palace ma rimangono altezze reali. Per i Sussex, invece, la regina Elisabetta ha disposto un periodo di transizione della durata di 12 mesi.

Il biografo del principe Carlo, Tom Bower, ha espresso un’opinione molto netta su Meghan Markle, rivelando al MailOnline che “sta finalmente venendo fuori la vera natura di Meghan. I suoi commenti sulla decisione della regina sono pieni di rabbia dispettosa. E temo che le cose possano solo peggiorare”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.