"Meghan si comporta da bulla": la telefonata che ha scatenato la bufera

Nel suo ultimo libro “Battle of Brothers”, Robert Lacey avrebbe individuato la causa del litigio e dell’allontanamento tra William e Harry

"Meghan si comporta da bulla": la telefonata che ha scatenato la bufera

C’è stato un momento ben preciso in cui il principe Harry e il principe William si sono allontanati definitivamente? È possibile rintracciare la causa delle loro incomprensioni? Secondo Robert Lacey sì. All’origine della frattura nel rapporto tra i fratelli, spiega l’esperto nel suo ultimo libro “Battle of Brothers”, di cui diversi passaggi sono stati riportati dal Times, c’è, neanche a dirlo, Meghan Markle e una telefonata che la riguarda.

Meghan è una bulla?

Nell’ottobre 2018 il principe William avrebbe ricevuto una mail dal suo segretario alle comunicazioni, Jason Knauf, in cui la duchessa di Sussex veniva accusata di bullismo. Il contenuto della mail, a quanto pare, era accompagnato da dossier e testimonianze che inchiodavano Meghan. Spiega Robert Lacey: “Si comportava da prepotente con lo staff di Palazzo”. Il contenuto del messaggio era inequivocabile. Knauf scrisse: “Meghan prendeva sempre di mira qualcuno”. Addirittura l’atteggiamento dell’ex attrice sarebbe stato così tristemente famoso a corte che il personale avrebbe perfino coniato un hashtag apposito, “freeHarry”, e fondato, un po’ per scherzo, ma non troppo, pure il “Sussex Survivor’s Club”.

Nella mail l’addetto alle comunicazioni disse anche: “Sono molto preoccupato del fatto che la duchessa sia stata in grado di far andare via due PA dalla famiglia nell’ultimo anno”. Knauf definì poi il comportamento di Meghan Markle “totalmente inaccettabile”. Meghan, secondo le testimonianze riportate, una volta avrebbe detto a un membro dello staff: “Non è il mio lavoro coccolare le persone” mentre un membro dello staff, al solo pensiero di trovarsela di fronte, avrebbe confessato: “Non riesco a smettere di tremare”. Un altro ancora la accusò di “crudeltà emotiva e manipolazione” e un terzo ammise di aver sofferto di disturbo post traumatico da stress a causa sua. Il mondo avrebbe conosciuto questo presunto lato oscuro di Meghan solo alla vigilia dell’intervista dei Sussex con Oprah, lo scorso marzo. Ma questo è solo l’inizio.

La reazione di William

A informare il duca di Cambridge della mail di Knauf sarebbe stata la sua segretaria privata, Simon Case. William non ci pensò due volte e chiamò il principe Harry, chiedendo spiegazioni. Questi, di rimando, gli avrebbe sbattuto il telefono in faccia, rifiutandosi di credere che sua moglie potesse aver avuto comportamenti poco consoni al suo ruolo. L’esperto racconta così l’episodio: “Harry chiuse il telefono con rabbia, così William andò da lui per parlargli di persona. Il principe era inorridito da quanto gli era stato riferito sul presunto comportamento di Meghan e voleva sentire ciò che Harry aveva da dire”.

Il duca di Sussex non avrebbe trovato niente di meglio da fare, se non accusare, a sua volta, lo staff di razzismo. William "andò su tutte le furie", scrive Lacey e se ne tornò a casa con una sola idea in testa, che l'esperto riassume così: “Semplicemente non voleva più avere intorno [Meghan] e Harry”. La telefonata e il successivo incontro avrebbero concretizzato i suoi sospetti, ovvero che Meghan “fosse ostile al sistema reale” da sempre, continua Lacey e che non avesse mai avuto intenzione di restare a Londra definitivamente. La duchessa di Sussex avrebbe calcolato tutto fin dall’inizio, perfino il suo rientro negli Stati Uniti.

La separazione

Per quanto Harry e Meghan negassero con forza le accuse di bullismo, etichettandole come “diffamatorie” e Harry giudicasse inaccettabile che suo fratello credesse più a Knauf, le prove contro di loro sembravano schiaccianti. Lacey sottolinea: “Meghan avrebbe interpretato la vittima, ma in realtà era lei la prepotente”. Il principe William, allora, avrebbe preso in mano la situazione, dimostrandosi irremovibile. Meghan Markle non poteva passarla liscia solo perché era diventata un membro della royal family. Così avrebbe ordinato a Simon Case di separare gli uffici e lo staff dei Cambridge e dei Sussex, spingendo di fatto suo fratello a fare le valigie e ad andarsene da Kensington Palace. Non solo. Il duca avrebbe confessato a un amico: "[Kate] era stata diffidente nei confronti di Meghan fin dall’inizio”.

Robert Lacey è certo: “William cacciò Harry”. L’esperto sostiene anche che il duca di Sussex avrebbe detto una bugia (un’altra) durante l’intervista con Oprah, quando ha dichiarato che il litigio con William sarebbe iniziato dopo il tour in Australia del 2018. Il motivo? Una presunta invidia dei Cambridge, che sarebbero rimasti colpiti dalla popolarità dei Sussex, la stessa di Lady Diana. In realtà, stando alla ricostruzione di Lacey, le incomprensioni sarebbero iniziate prima del tour. Da una parte c’era William, deciso a difendere la Corona, dall’altra Harry altrettanto convinto che sua moglie fosse sempre e comunque innocente. Sono passati quasi tre anni e la situazione non è cambiata.