Luxuria risponde al chirurgo De Mari: "Il sesso anale dannoso? Fa bene alla prostata"

Dopo le dichiarazioni rilasciate a Radio 24 sugli omosessuali, il chirurgo Silvana De Mari viene preso di mira da Vladimir Luxuria: "Nessuno è mai morto perché lo ha preso lì"

Luxuria risponde al chirurgo De Mari: "Il sesso anale dannoso? Fa bene alla prostata"

Le confessioni del chirurgo Silvana De Mari sugli omosessuali hanno fatto parecchio discutere, ora a tornare sul tema è Valdimir Luxuria.

Silvana De Mari è un chirurgo, endoscopista e psicoterapeuta e a La Zanzara, su Radio 24, qualche giorno fa, aveva raccontato che nel corso della sua carriera aveva spesso avuto a che fare con i gay, anzi ci lavora quasi tutti i giorni. "Conosco tanti omosessuali che hanno danni inenarrabili all'ano, fanno disastri - diceva la De Mari -. L’ano fa parte del tubo digerente, l’apparato riproduttore è altra cosa. La vagina è stata creata per essere penetrata, per questo ha una mucosa incredibile, l'ano ne ha soltanto una sottile. Si può lacerare facilmente. Sotto, infatti, ci sono i vasi emorroidali molto fragili, se li si sottopone a traumi aumentano le emorroidi, fistole, ascesso perianale, ragadi, incontinenza anale. Il sesso anale oltre a causare danni all'organismo è un gesto che viene fatto nelle iniziazioni sataniche".

Parole dure quelle del chirurgo che hanno fatto imbestialire la comunità Lgbt. Ora a tornare sul tema è Vladimir Luxuria e sempre a La Zanzara ribatte: "Da chirurgo e da professoressa, dovrebbe sapere (Silvana De Mari, ndr) che prenderlo dietro fa anche bene alla prostata".

Luxuria non si tira indietro e va avanti: "Tutto ciò che provoca un piacere dovrebbe essere un piacere. Io non mai sentito nessuno che è morto perché l’ha preso dietro". L'intervista su Radio 24, poi, si conclude con una battuta sulla polemica sollevata da Mario Adinolfi sulle ospitate gay al festival di Sanremo: "Secondo me viene pagato dall’ufficio stampa di Sanremo per fare un po' di pubblicità così come è successo con Elton John".

Commenti