Marco Carta, il padre della donna arrestata: "Si è presa la responsabilità per salvarlo"

Dopo l'arresto e il rilascio di Marco Carta in seguito all'accusa di furto di sei magliette, è intervenuto il padre di Fabiana Muscas, l'amica del cantante rimasta in carcere

Venerdì 30 maggio, Marco Carta veniva arrestato insieme all’amica Fabiana Muscas per il furto di sei magliette del valore di 1200 euro, ma il padre della donna si è detto certo che la figlia sia assolutamente innocente.

Se il cantante è stato rilasciato in attesa del processo, la Muscas, che lavora come infermiera al Brotzu, è in carcere e a parlare per lei attraverso le pagine de L’Unione Sarda, ci ha pensato il padre, convinto dell’estraneità della figlia. “Mia figlia si è presa la responsabilità per salvare lui – ha dichiarato l’uomo, pensionato di 87 anni, che ha ammesso di non essere a conoscenza dell’incontro che doveva avvenire tra Fabiana e Marco Carta a Milano - . Abita con noi, è in ferie e non è ancora rientrata. Per quel che sapevamo doveva andare a Roma a incontrare alcuni amici, è partita venerdì. Doveva restare lì una settimana".

La 53enne, invece, pare abbia modificato i programmi e deciso di raggiungere il cantante sardo nel capoluogo lombardo. “Forse ha raggiunto Carta. Non sapevamo nulla. È sua amica da anni, oltre a essere sua fan. Frequenta la sua casa, le sorelle – ha aggiunto ancora il padre della Muscas - .Non so come si siano conosciuti”.

Nonostante i fatti, però, il signore ha descritto la figlia come una “ragazza riservata e onesta”, e ribadito che la sua è una “famiglia di persone oneste e lavoratrici”. Certo che Fabiana Muscas si sia addossata la responsabilità di quanto successo per salvaguardare la reputazione e l’immagine di Marco Carta, il padre spera che la giustizia possa fare il suo corso. Ma a seguito delle dichiarazioni dell’uomo, è intervenuto l’avvocato Simone Ciro Giordano, che assiste il cantante e che ha sottolineato l’assoluta infondatezza delle dichiarazioni del padre della Muscas: “Non so come faccia a dire che tutto è stato scaricato sulla figlia per salvare Carta. Lei ha confessato”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.