Il Ministero della Salute punta sull'allattamento al seno

Il Ministero della Salute ha realizzato una campagna per promuovere l'allattamento al seno, interpretata dal duo comico Nuzzo & Di Biase: ecco di cosa si tratta

L’allattamento al seno è giusto e naturale. Parola del Ministero della Salute, che ha lanciato una campagna sociale con protagonista il duo comico Nuzzo & Di Biase.

Come riporta l’Adnkronos, lo slogan di questa campagna è appunto “È naturale!” e mira a sensibilizzare le donne sull’importanza dell’allattamento al seno e alla naturalezza del gesto - affinché ognuna si senta libera di farlo dove vuole e quando vuole.

Lo spot televisivo - ma ne è stato realizzato anche uno radiofonico - sarà veicolato sulla Rai negli spazi riservati gratuitamente dalla Presidenza del Consiglio, ma anche in Mediaset su Canale 5 e Italia 1. Nel filmato, si vedono Nuzzo & Di Biase discutere di qualcosa che non sarebbe naturale, mentre accanto a loro si vede una donna che sta allattando il suo neonato. Alla fine dello spot, si capisce che il duo comico si riferisce alle spalline imbottite della mamma, non al gesto che sta compiendo in pubblico.

Il Ministero della Salute promuove l'allattamento materno sia per la crescita sana del bambino, grazie alle proprietà nutrizionali dell'alimento , sia per la salute delle mamme, poiché riduce - ad esempio - il rischio di emorragie post partum, di osteoporosi dopo la menopausa e di sviluppare il cancro del seno e dell'ovaio. Tuttavia, in Italia c’è una diffusione disomogenea di questa buona abitudine, con una maggiore distribuzione nel Nord-Est.

Il messaggio - rivolto alle neomamme, ma anche al personale specializzato nel settore dell’ostetricia e a tutti coloro che potrebbero incontrare una mamma che allatta in un luogo pubblico o sul posto di lavoro - ricorda come sia un diritto ricevere informazione e aiuto, oltre che nutrire il proprio bimbo in un luogo pubblico ed essere tutelata al rientro al lavoro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.