"Da Miss Malizia ai talk politici", l'affondo di Selvaggia Lucarelli a Hoara Borselli

Nella polemica sull'effettiva validità di Hoara Borselli come opinionista nei talk politici, su invito di Nicola Porro, si è aggiunta anche Selvaggia Lucarelli, che non ha risparmiato le sue critiche nei confronti dell'attrice

Dopo un articolo più o meno discutibile di Nanni Delbecchi su Il Fatto Quotidiano in merito alla partecipazione di Hoara Borselli nei talk politici è esplosa la polemica sull'attrice e soubrette che in queste settimane è spesso ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica in veste di opinionista. Il giornalista e conduttore è intervenuto direttamente sulla questione, chiamando in causa Selvaggia Lucarelli, una delle penne di punta del Fatto Quotidiano: “Selvaggia Lucarelli, tu che scrivi nello stesso giornale e difendi le donne, non ti verrebbe in mente forse di spiegare a Delbecchi che forse non è quello che uno ha fatto nel passato ma quello che uno dice importante in televisione?

La replica non si è fatta attendere: "Hoara Borselli ha iniziato come Miss Malizia e oggi è opinionista nei talk politici. I concorsi di bellezza fanno male, è evidente". E attraverso un lungo pezzo proprio su Il Fatto Quotidiano la giornalista esprime la sua opinione. “Giusto, chi se ne frega del curriculum della Borselli: è la lucidità di pensiero quella che conta. Mi limiterò dunque a giudicarla basandomi su una sua dichiarazione a campione, quella di una puntata di Quarta Repubblica del 18 novembre”, scrive la Lucarelli, riportando le dichiarazioni di Hoara Borselli in merito alla polemica tra Matteo Salvini e Ilaria Cucchi.

Non vedo perché Salvini dovrebbe chiedere scusa a Ilaria Cucchi. Salvini non ha mai negato che Cucchi sia morto, la droga è stata l'innesto con il quale Cucchi è stato arrestato, se non ci fosse stato il problema della droga Cucchi non sarebbe stato arrestato…Salvini in maniera maldestra ha voluto dire che l'accertamento dei fatti non può far passare in secondo piano la lotta che lo Stato deve fare nei confronti della droga. Perché la droga c'è!”, sarebbero queste le parole pronunciate da Hoara Borselli da Nicola Porro, che Selvaggia Lucarelli ha analizzato nel suo pezzo.

Intanto mi sento di ringraziare la Borselli perché mi ha aperto gli occhi: la droga c'è...”, ha esordito la giornalista de Il Fatto Quotidiano, che poi prosegue sottolineando l'errore grammaticale della Borselli, che pronuncia “innesto” invece di “innesco.” La Lucarelli fa poi il primo vero affondo contro l'opinionista: “Riguardo invece la sua luminosa opinione sul rapporto causa-effetto tra l'utilizzo di droga e la morte di Cucchi sorge il dubbio che ci sia anche un rapporto causa-effetto tra le sue opinioni e l'utilizzo di qualche droga...

Non è l'unico affondo di questo tipo da parte della penna del Fatto Quotidiano, che in un altro passaggio scrive: “Confesso di essere sempre più convinta che debba esserci un rapporto causa-effetto tra uno spigolo urtato da piccola sulla nuca e le lucide teorie della Borselli...”. Selvaggia Lucarelli analizza anche le parole di Hoara Borselli in merito al baciamano di un carabiniere nei confronti di Ilaria Cucchi. L'opinionista di Quarta Repubblica, che ricopre lo stesso ruolo anche a Non è l'Arena su La7, avrebbe detto: “Potrebbe significare la resa e la genuflessione dell'arma e non sarebbe giusto perché i colpevoli non sono tutti i carabinieri!” A questo, la giornalista de Il Fatto Quotidiano risponde con un'altra stilettata: “Io nella prossima ospitata a Quarta Repubblica al posto della Borselli, suggerirei al maresciallo dei Carabinieri di sferrare un pugno a Ilaria Cucchi alla fine della prossima udienza, così da lanciare due messaggi importanti: i Carabinieri non sono genuflessi e essere la sorella di un drogato arrestato per droga e poi ammazzato di botte è l'innesco del pugno. Anzi, l'innesto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.