Paola Turci copie 55 anni: qualche ruga in più, ma con serenità

La cantante ha spiegato cosa pensa del "passare del tempo". Invecchiare alla fine significa soltanto "crescere"

Paola Turci copie 55 anni: qualche ruga in più, ma con serenità

Superati i 50 anni non c’è solo qualche ruga in più, ma anche una saggezza e consapevolezza che aiuta a vivere la vita con più leggerezza e serenità. Con questo spirito Paola Turci affronta il sue 55esimo compleanno. La cantante romana, a New York per la fashion week e un concerto, ha deciso di raccontare a 'Io donna' come vive il passare del tempo.

Ho sempre percepito ‘l’adultità’, diciamo così, come qualcosa di limitante da un punto di vista fisico, ed è questo che ho cercato di combattere: facendo sport, avendo cura di me – ha detto Paola Turci-. Alla fine mi ritrovo a 55 anni più agile di prima e ne vado fiera, è qualcosa che mi fa stare bene, perché mente e corpo viaggiano insieme. Per il resto, la vita è fatta anche di dispiaceri a qualsiasi età, ma da un certo momento in avanti ho iniziato a sentirli come più leggeri che in passato”. Tutto questo è potuto accadere grazie alla consapevolezza, acquisita con il tempo, che “la vita è sempre meravigliosa, che essere vivi è bello, che ogni occasione di fare una cosa bella o giusta va apprezzata”.

La paura di invecchiare, tipicamente più femminile che maschile, è dovuta a una cultura sbagliata che non mette i due sessi sullo stesso piano. “Quando si parla di noi donne l’età viene trattata come un elemento essenziale della nostra identità, di ciò che siamo, ma un elemento primariamente estetico: un uomo avanti con l’età è saggio e affascinante, una donna è solo più vecchia, ha più rughe… Questo perché c’è un pregiudizio di fondo, come se donne e uomini vivessero l’età in modo differente. Ma non è così”, ha spiegato la cantante. Colpevoli di aver creato questo sistema anche alcune donne, che puntando tutto sull’aspetto esteriore, non hanno fatto altro che incrementare questa situazione di squilibrio.

Per raggiungere la parità tra i due sessi, le donne in primis dovrebbero smettere di aver paura degli anni che passano. E Paola Turci consiglia un piccolo trucco: “È il mio metodo: dal giorno successivo a ogni compleanno che festeggio dico sempre di avere gli anni che compirò l’anno seguente. Non è una strategia, è solo un modo per esorcizzare la paura del tempo che passa. Ovvio che ogni tanto l’avanzare dell’età non faccia piacere, magari perché scopri una nuova ruga sul viso o perché non puoi mangiare tutto quello che vorresti come una volta, ma a parte questo per me è una benedizione crescere. Perché è di questo che si tratta, no?”.

Commenti