"Pupazzo", "Dici str...". Scontro in tv tra Adinolfi e don Patrizio

Il sacerdote, infastidito dalle continue interruzioni, è letteralmente esploso in un fragoroso rimprovero. La lite con Adinolfi a Dritto e Rovescio

"Pupazzo", "Dici stro...". Scontro in tv tra Adinolfi e don Patrizio

Il confronto è finito in caciara in meno di un amen. Del resto, si stava parlando di religiosità, di scandali ecclesiastici e di liturgie. Dunque, vi era una certa coerenza. Il dibattito andato in scena iera sera a Dritto e Rovescio, su Rete4, è diventato incandescente al punto da costringere il conduttore Paolo Del Debbio a intervenire per placare gli animi. Il culmine lo si è raggiunto con lo sfogo di don Patrizio Coppola nei confronti di Mario Adinolfi, accusato dal sacerdote di non far parlare gli altri interlocutori. "Tu sei il peggiore della Chiesa, hai capito?", ha sbottato a un tratto il religioso, bacchettando il giornalista ed ex militante Pd, particolarmente accalorato nell'esprimere le proprie posizioni.

Ma andiamo con ordine. Nel programma Mediaset si stava parlando di scandali sessuali nella Chiesa, quando il conduttore ha dato la parola a Luca Ceccarelli, ex sacerdote cattolico, oggi pastore della Inclusive Anglican Episcopal Church. "Sono gay, sposato e celebro la messa", ha spiegato l'uomo, mostrato anche in alcune immagini in cui presiedeva un rito religioso. La sua vicenda e le sue argomentazioni hanno però indispettito Adinolfi, che improvvisamente è intervenuto. Interrompendo Ceccarelli, che stava rispondendo a Del Debbio riguardo alla sua comunità di fedeli, il giornalista ha esclamato: "La comunità non c'è! Il video è senza gente... non c'è un fedele. È una carnevalata di tre persone, è una vergogna, è imparagonabile alla Chiesa Cattolica". La discussione è proseguita tra i malumori dello stesso Adinolfi e di Paolo Brosio, presente in studio, per poi infiammarsi nuovamente ed esplodere quando il focus si è spostato sul celibato dei sacerdoti.

"Mi volevo riferire a Brosio e Adinolfi: il celibato non sta scritto da nessuna parte, ma viene dalla tradizione del magistero", ha affermato al riguardo Luca Ceccarelli, facendo infervorare nuovamente l'ex militante Pd. All'udire quelle considerazioni, infatti, Adinolfi ha di nuovo perso le staffe: "È scritto, codificato dal codice e dal diritto canonico. Ma di che parla? Dove lo avete preso questo pupazzo?". A quel punto è successo l'impoderabile: don Patrizio Coppola, che sino a quel momento aveva assistito in silenzio al confronto, non si è più trattenuto di fronte alle interruzioni di Adinolfi ed è letteralmente esploso in un inaspettato rimprovero proprio al giornalista cattolico.

A sorpresa, infatti, don Coppola è intervenuto in difesa dell'ex sacerdote e rivolgendosi ad Adinolfi ha sbottato: "Lasciatelo parlare. Sta dicendo idiozie? Dopo gli rispondiamo. Ma finiscila, caro Mario! La devi finire di dire stronzate! La devi finire! Tu sei il peggiore della Chiesa, hai capito? Attraverso di te non si va da nessuna parte. Smettila! Fallo parlare!". Una strigliata vera e propria. E pure senza assoluzione.

Commenti