Russell Crowe costretto a tornare a casa a causa degli incendi

Russell Crowe è tornato in Australia, sua terra natale, per un motivo tutt'altro che allegro: gli incendi che stanno devastando la regione hanno colpito anche la sua casa

Russell Crowe costretto a tornare a casa a causa degli incendi

Russell Crowe, attore vincitore di un premio Oscaer per la sua interpretazione ne Il Gladiatore, è stato costretto a prendere un aereo e tornare a Sydney, in Australia. L'attore cinquantacinqueenne, infatti, è stato visto all'aeroporto della sua città natale, come riportato da Just Jared.

Il motivo del suo ritorno a casa, però, non è legato a motivi di piacere, anzi. Come ha fatto sapere lo stesso Russell Crowe sul suo profilo ufficiale twitter, la ragione che lo ha spinto a lasciare gli Stati Uniti per tornare nella sua regione d'origine è stato l'incendio che ha colpito la sua casa. Una notizia che l'attore aveva già reso noto ai suoi follower quando aveva scritto un post su instagram, in cui si leggeva:"Non sono in Australia. La mia famiglia è al sicuro, ospitata dagli amici. Il fuoco ha raggiunto casa mia , ieri. Il mio cuore è con tutti coloro che vivono nella Valley". Alla didascalia di Russell Crowe si accompagnava una serie di immagini che ritraevano il fuoco che, pian piano, divorava parti sempre più ampie di terreno.

Da allora Russell Crowe ha continuato a condividere su Instagram immagini e testimonianze di quello che stava accadendo nei luoghi intorno alla sua casa. Per esempio, ha scritto: "Sta ancora bruciando". Le sue testimonianze precise e sempre più costanti col passare dei giorni hanno dato chiaramente idea ai follower dell'attore australiano del dolore che Russell Crowe stava provando per essere lontano dalla sua casa e dalla sua famiglia in un momento tanto delicato.

Nello stesso post l'attore de Les Miserables ha anche espresso il suo sostegno non solo a coloro che vivono in Australia, ma anche alle persone della California che stanno vivendo più o meno lo stesso incubo, con degli incendi sempre più difficili da estinguere, pronti a distruggere tutto ciò che incontrano sul loro cammino. Su Twitter la testimonianza di Russell Crowe si è affatta ancora più dettagliata, con la pubblicazione di un video fatto da lui stesso, ora che si trova in Australia. Nel Tweet Russell Crowe racconta di "così tanti alberi abbattuti" e "fumo che riempie l'orizzonte". La sua testimonianza si chiude sempre con un accorato: "restate al sicuro".

Segui già la pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti