Salvo Sottile si schiera con Fedez: "Vergogna". E il Codacons lo denuncia

Il giornalista e conduttore di Rai Tre si è schierato a favore del rapper nella polemica sulla raccolta fondi per il coronavirus, scatenando la reazione dell’associazione dei consumatori che lo ha denunciato

È guerra aperta sui social tra Fedez e il Codacons. Nelle ultime ore sono molti i personaggi famosi che si sono schierati al fianco del rapper dopo le sue denunce contro l’associazione dei consumatori. Nella polemica mediatica si è inserito, con un tweet, anche Salvo Sottile, conduttore "Mi Manda Raitre", che ha espresso il suo disappunto sulla questione.

Il Codacons ha avviato un accertamento con l'Antitrust per verificare la correttezza e la trasparenza delle raccolte fondi nate nelle ultime settimane per finanziare la lotta al coronavirus. Compresa quella lanciata da Fedez e Chiara Ferragni. Il rapper si è scagliato contro l’azione dell’associazione ritenendola assurda e ingiusta. La denuncia di Fedez si è spinta però oltre. Il rapper ha polemizzato contro il Codacons che avrebbe sfruttato l’emergenza da Covid-19 per raccogliere donazioni per sostenere l’operato dell’ente. La polemica è iniziata a girare sui social, incontrando il favore pro-Fedez di molti volti noti. Tra loro anche il conduttore Salvo Sottile che, attraverso il suo profilo Twitter, ha espresso il suo disappunto: "Ne ha scritto Fedez (mostrando il post di Fedez) ma che vergogna!".

Le parole di Salvo Sottile non sono piaciute al Codacons che, con una nota ufficiale, ha annunciato di aver denunciato alla Procura il conduttore: "Salvo Sottile nella foga di attaccare ieri il Codacons, ha preso le difese di Fedez senza dare spazio alle replica fornita dall'associazione al rapper, e ha ricordato come il Codacons non sia mai invitato a "Mi manda Raitre"; un vero e proprio autogol perché di fatto conferma le discriminazioni compiute dalla sua trasmissione ai danni dell'associazione, e le violazioni delle regole del pluralismo cui la Rai deve attenersi. Ora Salvo Sottile è stato denunciato in Procura per abuso d'ufficio, e nei suoi confronti è partita una istanza al CdA Rai e alla Commissione di vigilanza perché siano adottati i provvedimenti del caso".

Le parole dell’associazione dei consumatori hanno innescato l'inevitabile risposta di Salvo Sottile. Sempre attraverso l’account Twitter, Sottile ha risposto con toni piccati al Codacons, chiedendo alla magistratura di indagare: "Ma il codacons di cui oggi parla Fedez a proposito di donazioni è lo stesso che ha minacciato me e la Rai di chiedere 10 milioni di euro di danni morali perché, una differenza delle altre associazioni, non li invitiamo MAI a "Mi manda Rai Tre"? Speriamo la magistratura indaghi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

hectorre

Sab, 28/03/2020 - 14:55

invece di denunciare Sottile il codacons dovrebbe dimostrare che Fedez sta raccontando falsità!!!....o forse dice semplicemente la verità

pilandi

Sab, 28/03/2020 - 15:27

Fedez, la moglie e tutti quelli che hanno partecipato alla colletta hanno realizzato un padiglione al san raffaele in 15 giorni, il codacons che ha fatto? Dovrebbero vergognarsi ed aprire il portafoglio.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Sab, 28/03/2020 - 16:19

Il codacons è un carrozzone inutile che vive solo per autosostenersi; in Italia ormai non si possono più raccogliere soldi per devolverli poiché questi soldi saranno poi veicolati verso altri scopi, si deve invece raccogliere soldi e poi comprare direttamente ciò che serve ai fruitori finali. Questo è sinistramente triste.

Tizzy

Sab, 28/03/2020 - 18:15

I numeri relativi alla raccolta sono stati riportati in maniera ben precisa da Chiara e Fedez e oltre alla lodevole azione e al non aver bisogno di "rubare" soldi agli italiani, loro con l'immagine ci lavorano anche, quindi nessun interesse a rovinarsela....... Se in un momento come questo, Codacons interviene addirittura con l' antitrust è sicuro che il vero motivo è che gli stanno portando via l' "osso"..... "Osso" che per fortuna è arrivato per intero a destinazione....