"L'ho fatta grossa". Morandi chiede scusa dopo il "video-gate"

Dopo la nota congiunta di Rai e direzione artistica, che ha scongiurato la squalifica del cantautore per avere pubblicato un video con il suo inedito sui social network, Morandi si è scusato su Facebook

"L'ho fatta grossa". Morandi chiede scusa dopo il "video-gate"

"Questa volta l'ho fatta grossa". Sono le prime parole che Gianni Morandi ha affidato ai social network per scusarsi dell'incidente avvenuto poche ore fa sul web e che ha messo a rischio la sua partecipazione al prossimo festival di Sanremo.

L'artista ha scelto Facebook e Instagram per chiedere pubblicamente scusa ai suoi fan, alla Rai e alla direzione artistica di Sanremo per avere pubblicato involontariamente un video con l'inedito che poterà sul palco del teatro Ariston i primi di febbraio. "Ho sbagliato a postare inavvertitamente su Facebook un video con dei frammenti della canzone che devo cantare a Sanremo", ha scritto sulle sue pagine web l'artista, spiegando quanto successo.

Nella tarda serata di lunedì 3 gennaio, Gianni Morandi ha condiviso sul suo profilo Facebook un video di tredici minuti, nel quale si mostrava insieme al produttore musicale Mousse T. Nel filmato i due parlavano del brano scelto per Sanremo, Apri tutte le porte, con l'intero canzone ascoltabile in sottofondo. Il post è rimasto online e visibile a tutti per circa una mezz'ora, poi è stato rimosso. Ma questo non ha impedito che scoppiasse la polemica. Per regolamento, infatti, le canzoni non possono essere diffuse prima dell'inizio di Sanremo, pena l'esclusione dalla gara. E questo ha rischiato Morandi, almeno fino all'arrivo della nota ufficiale emessa dalla direzione artistica del Festival in accordo con la Rai, che ha respinto l'accusa "perché si è trattato di un puro inconveniente tecnico, dovuto alla necessità di Morandi di portare un tutore alla mano destra".

Una motivazione che è stata confermata - seppure velatamente - dallo stesso Morandi che sui social si è scusato: "Mi ostino a fare da solo ma sono proprio un imbranato! Appena mi sono accorto l'ho cancellato ma qualcuno lo aveva già visto. Sono affranto, dispiaciuto e mi scuso moltissimo con la Rai con la Direzione artistica del Festival, con la mia casa discografica, con i musicisti, con il produttore Mousse T, con Jovanotti e con tutte le persone che stanno lavorando a questo progetto". Nel chiudere il suo messaggio, il cantante ha scherzato sulla necessità di passare il testimone nella gestione dei suoi canali social alla moglie Anna per scongiurare possibili nuovi inconvenienti.

Commenti