Sanremo, Pio e Amedeo sui migranti. E Salvini risponde sui social

A Sanremo il monologo di Pio e Amedeo. Scherzano su migranti, meridionali e Salvini. E il ministro replica sui social

Sanremo, Pio e Amedeo sui migranti. E Salvini risponde sui social

Pio e Amedeo scherzano sulle polemiche di Sanremo. Dopo gli scontri (politici) sui migranti, il duo di comici irrompe al Festival con un apprezzato show al fianco di Claudio Baglioni.

Ed è proprio di direttore del Festival che si rivolgono: "Tu hai fatto lo spettacolo un pò di tempo fa - dicono Pio e Amedeo - E come ti chiamavi? Colonnello? Maresciallo? No, eri capitano coraggioso, come quello là. E nello spot di Sanremo eri vestito da vigile, con la divisa. Sono tutti segnali. Strizzi l'occhio. Ma lui non è rancoroso".

Il riferimento, ovviamente, è a Matteo Salvini. Il ministro dell'Interno non viene mai citato ma è a loro che pensano i due comici quando dicono si riferiscono a chi "ora dice le cose più brutte, ma tra 2-3 anni ti ama". "Con noi meridionali ha fatto la stessa cosa - cotinuano - Ora ci vuole bene". Infine, Pio e Amedeo invitano Baglio a dire una frase: "Dilla tutta che Sanremo l'anno prossimo lo facciamo al 100%. Prima?". E Claudio: "Gli italiani".

Immediata è arrivata la risposta, simpatica, di Matteo Salvini. Sui social il ministro dell'Interno ha pubblicato una fotografia per commentare le parole dei due comici. "Evviva Sanremo - scrive il leader della Lega - Visto che parlano sempre di me, mi potevano almeno invitare per una cantatina".

Commenti