Santoro scalda i motori: è pronto a tornare in tv

Il teletribuno sta già girando un docu-film sulla camorra e uno sugli allevamenti illegali di animali

Santoro scalda i motori: è pronto a tornare in tv

Michele Santoro sta scaldando i motori. L'addio alla televisione è già lontano. Tanto che il teletribuno si è già messo dietro alla telecamera. Secondo indiscrezioni raccolte da Libero, avrebbe scuinzagliato due squadre diverse per portare a casa una inchiesta sulla camorra e il suo potere sulla politica e un reportage sugli allevamenti clandestini e illegali di animali la cui carne finisce negli scaffali dei supermercati per essere mangiata dagli italiani.

Santoro ha (ri)attivato la Zerostudio's, la società nata per produrre Servizio Pubblico, per tornare in televisione con due docu-film. "Quella sugli allevamenti animali prosegue un lavoro già iniziato da Giulia Innocenzi su Annozero - si legge su Libero - quella sulla camorra prosegue le inchieste realizzate da Sandro Ruotolo". Santoro starebbe girando entrambe le inchieste "al buio", senza cioè avere in mano un contratto con una emittente che gli garantisca la messa in onda. il presentatore tivù conta, infatti, di far partire al più presto una sorta di asta. Secondo fonti sentite dal quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, La7 e Sky potrebbero essere già interessate al prodotto. Non resta che vedere cosa farà la Rai di Monica Maggioni e Antonio Campo Dall' Orto.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti