Cultura e Spettacoli

Con lo sbarco di Netflix la concorrenza affila le armi: il caso di Wuaki.tv

Dopo una versione beta lanciata a fine 2014, il servizio è sbarcato in Italia a marzo di quest'anno

Con lo sbarco di Netflix la concorrenza affila le armi: il caso di Wuaki.tv

Non si sa quali saranno gli effetti provocati dall'arrivo di Netflix nel panorama televisivo italiano tradizionale, costituito da tv tradizionale e satellite.

Di sicuro però, gli altri servizi di streaming on demand, magari meno conosciuti ma arrivati prima in Italia, non rimangono a guardare e si preparano a rilanciare la loro offerta per far fronte al colosso statunitense.

È il caso di Wuaki.tv, il principale servizio europeo di video on demand, parte del colosso giapponese di e-commerce Rakuten, che offre migliaia di ore di film e serie TV di alta qualità tramite il noleggio o l'acquisto. Il catalogo include contenuti dai principali studios di Hollywood, tra cui Warner, Disney e Sony, e società di produzione come HBO, e distributori europei, consentendo agli utenti l'accesso a nuove uscite, grandi successi, film classici e serie TV sul dispositivo di loro scelta.

La piattaforma spagnola si pone come alternativa a Netflix per diversi motivi: permette di affittare o comprare i singoli contenuti (e non solo sottoscrivere abbonamenti) e offre anteprime 3 o 4 mesi dopo l'uscita ufficiale dei film, mentre per piattaforme ad abbonamenti, in genere, il tempo di attesa è di 18-24 mesi.

Un altro elemento distintivo fondamentale di Wuaki.tv è la voglia di mantenere il suo carattere europeo dal punto di vista dei contenuti, quindi non solo focus sui titoli americani ma attenzione alle produzioni che arrivano dall'Europa.

Con l'arrivo di Netflix, Wuaki.tv ha diffuso le ultime novità del suo catalogo, tra cui: Ex-Machina, Lo Hobbit: La battaglia delle Cinque Armate, Pan, Steve Jobs, Mission Impossible Rogue Nation, Ant-Man. Inoltre è di questi giorni l'annuncio di una partnership col canale francese Gulli, per offrire un parco contenuti rivolto ai ragazzi.

Commenti