"Sono stata criticata, ma vado avanti". I 75 anni di Camilla

Il 17 luglio 2022 Camilla compie 75 anni e fa un bilancio della sua vita, tra dolori e onori, al culmine di una brillante ascesa che l'ha portata a conquistare il cuore dei sudditi e il rispetto della royal family

"Sono stata criticata, ma vado avanti". I 75 anni di Camilla

Camilla Shand compie 75 anni. Nell’ultimo anno e mezzo la sua figura è stata rivalutata, alla luce di un’ascesa inarrestabile che ha spinto l’opinione pubblica a guardare oltre la definizione di “amante” e “sfasciafamiglie”. Non è possibile dimenticare il passato, ma non è neanche giusto che rappresenti l’unica “lente” attraverso cui viene osservata e descritta la vita della moglie del principe Carlo. Forse è arrivato il momento di guardare alle scelte della duchessa attraverso una nuova prospettiva, in cui gli errori e i tradimenti non sono l’unica interpretazione possibile.

“Alla fine si supera tutto…”

“Non è stato facile. Sono stata esaminata per così tanto tempo che dovevo trovare un modo per conviverci. Sono andata avanti, anche se credo che a nessuno piaccia essere sempre guardato e criticato…ma alla fine si supera tutto e si va avanti. Si deve continuare a vivere”. Questa è la confessione di Camilla Shand a Giles Hattersley, contenuta nel numero di luglio 2022 di Vogue Uk. Un primo bilancio della vita della duchessa, in vista dei 75 anni che compirà il 17 luglio 2022. Un riassunto amaro delle polemiche a cui non ha mai offerto il fianco. Bisognerebbe riconoscere a Camilla due pregi: la perseveranza e la pazienza. La duchessa di Cornovaglia ha aderito perfettamente al motto dei Windsor, “Never complain, never explain” (“mai lamentarsi, mai dare spiegazioni”). Gli errori del passato sono innegabili: Carlo, Diana e la stessa Camilla sono responsabili di quel triangolo amoroso che ha portato loro solo sofferenza. Forse la duchessa non verrà mai del tutto perdonata per essere stata l’antagonista della principessa del Galles. Qualcosa, però, è cambiato, soprattutto nell’ultimo anno. Le posizioni della regina Elisabetta e dell’opinione pubblica nei confronti della moglie di Carlo si sono ammorbidite e, forte di questa maggiore serenità Camilla è riuscita, se non a farsi amare, di certo a farsi apprezzare.

“Rottweiler” e “donna malvagia”

Per la moglie di Carlo il cammino da donna più odiata d’Inghilterra a futura Regina consorte è stato lungo e pieno di insidie. Per tutti era la rivale in amore di Diana, il “rottweiler”, dal soprannome che la principessa di Galles le avrebbe affibbiato perché, come spiegò la sua amica Simone Simmons “assomiglia a un cane e perché, una volta affondati i denti dentro qualcuno, non lo avrebbe mai lasciato andare”. Sembra che la duchessa di Cornovaglia abbia riservato lo stesso trattamento a Diana, chiamandola “mucca pazza”. Poco importa che le due, almeno all’inizio, sarebbero state amiche. I giornali sostengono che questa amicizia, da parte di Camilla, non fosse sincera, bensì un modo per poter avvicinare il principe Carlo e continuare la loro relazione senza destare sospetti. Quando Lady Diana morì, nel tragico incidente sotto al Tunnel dell’Alma, il 31 agosto 1997, furono in molti a pensare che da quel momento Camilla avrebbe avuto via libera a corte e nel cuore dell’erede al trono. In realtà le cose furono molto più complicate. L’ostacolo principale al coronamento del loro amore era la regina Elisabetta. Il giorno in cui il principe Carlo le annunciò che avrebbe sposato l'amore di una vita, Sua Maestà avrebbe risposto: “Quella donna malvagia…Non voglio avere niente a che fare con lei”.

La vera Camilla

L’esperta Penny Junor ha invitato a guardare il ruolo della duchessa di Cornovaglia da un’altra prospettiva: "La gente conosceva Camilla solo da quello che Diana diceva di lei”. In effetti molto di ciò che sappiamo su Camilla è stato filtrato dalla luce carismatica della figura di Lady D., narrato in funzione dell’ormai famoso “matrimonio affollato” di cui la principessa parlò nell’intervista del 1995 alla Bbc. Forse abbiamo scoperto la vera Camilla dopo il matrimonio con Carlo, avvenuto il 9 aprile 2005. Non è improbabile che sia stato così anche per la Regina. Fin dal 1971, anno in cui i due si conobbero, Elisabetta II aveva considerato la duchessa “non sposabile” a causa del suo passato sentimentale a quanto pare un po’ movimentato. Per gli esperti reali il momento in cui la sovrana avrebbe cominciato a ricredersi risalirebbe al 15 novembre 2018, in occasione dei 70 anni dell’erede al trono. La Regina disse: “Durante i suoi 70 anni Filippo e io abbiamo visto Carlo diventare un campione in fatto di arte, un grande leader caritatevole, un erede al trono rispettato e un padre meraviglioso…sostenuto dalla moglie Camilla…”. Un grande passo avanti, se pensiamo che Sua Maestà aveva accuratamente evitato di nominare la nuora nel discorso tenuto il giorno delle nozze di Carlo, nel 2005. La fase del disgelo era iniziata.

Onore a Camilla

La prova definitiva dell’avvenuta riconciliazione tra la sovrana e Camilla Shand porterebbe la data del 17 luglio 2020. In occasione del 73esimo compleanno della duchessa di Cornovaglia Buckingham Palace pubblicò uno scatto che la ritrae insieme a Elisabetta. Entrambe sorridenti, una accanto all’altra e, finalmente, senza il principe Carlo tra loro. Camilla iniziò a lavorare ancora più duramente e, soprattutto, in silenzio, per farsi accettare, diventando patrona di circa 90 associazioni benefiche e impegnandosi nella lotta contro la violenza sulle donne e dedicandosi alla creazione di un suo salotto letterario virtuale. Gli onori più importanti, però, sono arrivati tra la fine del 2021 e il 2022. Nel dicembre 2021 la duchessa è stata insignita del titolo di Dama dell’Ordine della Giarrettiera (la cerimonia d’investitura ha avuto luogo lo scorso 13 giugno nella cappella di San Giorgio a Windsor). Alla vigilia dell’Accession Day, lo scorso 6 febbraio 2022, è arrivata la "consacrazione" definitiva da parte della regina: “…Quando, a tempo debito, mio figlio Charles diventerà re, so che garantirete a lui e a sua moglie Camilla lo stesso sostegno che avete dato a me. Ed è mio sincero augurio che, quando quel momento arriverà, Camilla sia riconosciuta come Regina Consorte”.

Un’alleata a corte: Kate Middleton

La duchessa di Cornovaglia può contare su un’altra potente alleata a corte: Kate Middleton. Un sodalizio iniziato quando la duchessa di Cambridge sposò William, nel 2011. Da allora Camilla, secondo Robert Lacey, è la fidata consigliera di Kate. Dopo il matrimonio con William le avrebbe regalato un braccialetto con un charm a due facce: su una sarebbe incisa una piccola “C” di Catherine sormontata da una corona. Sull’altra faccia, invece, ci sarebbe l'iniziale di Camilla, decorata con una corona più grande. Nel marzo 2022, per il World Book Day, Camilla ha ospitato la duchessa di Cambridge nel suo book club, “The Reading Room”, per promuovere la lettura tra i bambini. La loro amicizia sarebbe così forte che la duchessa di Cornovaglia, al momento di realizzare la copertina dell’ultimo numero di Country Life, che celebra il suo 75esimo compleanno, avrebbe detto all’editor del magazine Mark Hedges: “Vorrei che la facesse Catherine”. L’editor ha poi raccontato al People: “Ho passato i successivi tre o quattro minuti a scervellarmi disperatamente cercando di pensare a una fotografa professionista di nome Catherine, poi all’improvviso ho capito cosa intendeva. Una delle cose più incredibili che potessero accadere”. Kate ha realizzato un magnifico shooting fotografico nel giardino di Ray Mill, la casa privata di Camilla nel Wiltshire. Lo stesso destino ha unito Kate e Camilla fin dal loro primo incontro.

L’ultimo “scoglio”: Harry

Affinché l’ascesa di Camilla sia completa mancherebbe un solo tassello: il principe Harry. “Harry non è un fan di Camilla”, ha titolato Page Six. Il duca di Sussex non riuscirebbe a perdonare alla matrigna il dolore inflitto a Lady Diana. Un insider ha dichiarato proprio a Page Six: “Harry non l’amerà mai davvero. Sua madre era destinata a essere Regina e Camilla sarà sempre la donna che ha portato al divorzio i suoi genitori…”. Secondo il Daily Mail Harry avrebbe riservato alla matrigna le pagine più fosche della sua autobiografia. Inoltre, quando Elisabetta II ha chiesto che Camilla diventasse, un giorno, Regina consorte, Harry è rimasto in silenzio. Sembrano molto lontane le parole che il ducadedicò alla moglie di suo padre nel 2005: “È una donna meravigliosa e ha reso nostro padre molto felice…William e io la adoriamo…Non è affatto la matrigna cattiva”. Il rapporto con Meghan Markle, poi, non sarebbe dei più felici. “Le due non si sarebbero mai viste di buon occhio”, ha commentato Tom Bower e Camilla avrebbe definito Meghan “un’impertinente”. La duchessa di Cornovaglia, dal canto suo, è andata oltre: si è conquistata il rispetto dei sudditi e della royal family. Continua la sua vita all’insegna della discrezione così amata dagli inglesi, tanto da aver affermato a Vogue che non intende preparare grandi festeggiamenti per il suo compleanno, solo stare con i figli, i nipoti e i Windsor. Quella grande famiglia allargata consapevole che il passato non può essere cambiato, ma nonostante tutto da questo può nascere un futuro migliore.

Commenti