Tosi-Salvini, scoppia il caso Isoardi, il Pd: "La Rai chiarisca il conflitto d'interessi"

Dopo il battibecco in tv con il portavoce del sindaco di Verona, Tosi, scatta un'interrogazione in Parlamento: "La Rai chiarisca"

Tosi-Salvini, scoppia il caso Isoardi, il Pd: "La Rai chiarisca il conflitto d'interessi"

E ora esplode il caso Isoardi in Rai. Nello scontro tra il segretario della Lega Matteo Salvini e il sindaco di Verona Flavio Tosi spunta Elisa Isoardi, presentatrice di RaiUno e fidanzata presunta di Salvini che ha polemizzato ieri nel suo programma "A conti fatti" con il capo ufficio stampa del Comune di Verona.

E l'episodio non è sfuggito ad alcuni parlamentari di Partito democratico e Area popolare, che sollevano il sospetto di un "conflitto d'interessi" della Isoardi nello svolgere il suo lavoro sugli schermi della tv pubblica. Sono le 11 di lunedì quando Isoardi, porta all'attenzione del pubblico di RaiUno la protesta di un gruppo di pensionati coltivatori di orti urbani a Verona, che lamentano una tassa da 15 euro introdotta dal sindaco Tosi. Poco dopo telefona il capo ufficio stampa del Comune, Roberto Bolis, con il quale, annota il senatore Ncd Salvatore Torrisi, Isoardi "polemizza pesantemente". E il caso finisce in Parlamento. L'ex miss aveva infatti dichiarato di avere una frequentazione con Salvini. E anche se il leader leghista, qualche giorno dopo la "rivelazione", ha bollato come "voci giornalistiche" le notizie della relazione, tanto è bastato a sollevare il sospetto di alcuni parlamentari che la conduttrice sia intervenuta in aiuto di Salvini sfruttando il suo spazio nella tv pubblica. "È molto grave - denuncia Torrisi - Non vorremmo che trasmissioni possano essere utilizzate per regolare conti all'interno di partiti. La Rai chiarisca".

In un'interrogazione altri senatori di Ncd (Laura Bianconi, Federica Chiavaroli e Luigi Marino) chiedono alla Rai "quali misure intenda prendere". E anche il Pd accende i fari sulla vicenda, con interrogazioni alla Camera e al Senato, di Ernesto Magorno e Laura Cantini. "La polemica - scrive Cantini - apparirebbe senza precedenti per la trasmissione e per la conduttrice, i cui toni normalmente sono ben diversi, alla vigilia della campagna elettorale in Veneto". Insomma, nasce da un "conflitto d'interessi" affettivo la "virulenza" mostrata da Isoardi sulla vicenda degli orti urbani di Verona? E a difenderla arriva Matteo Salvini: "Non parlo di vita privata, ma è ridicolo pensare che la Rai aspetti la telefonata di un segretario di partito per occuparsi degli orti di Verona. Siamo alla follia. Semmai il problema è che il Pd vorrebbe TeleRenzi".

Commenti