Minacce di morte a Valentina Vignali: "Ti raccoglieranno spiaccicata su un guard rail"

La cestista e modella ventisettenne Valentina Vignali sta pubblicando in questo ore foto e messaggi di offese ricevute, negli ultimi mesi, da uno stalker. A tempestarla di insulti e parolacce è il padre di una giovane cestista, collega sportiva della Vignali

Valentina Vignali, cestista e modella romagnola, non ci sta e con la solita ironia che la contraddistingue ha deciso di pubblicare, con tanto di nome e cognome dell’interessato, foto e messaggi di offese e insulti ricevuti negli ultimi mesi da uno stalker. La vicenda potrebbe sfociare nel penale, con tanto di denuncia, ma la Vignali ha deciso di prendersi la sua personaLE rivincita mostrando, agli oltre due milioni di followers, screenshot di messaggi di offese che l’uomo le sta inviando da più di un anno.

L’uomo, un padre di famiglia con due figlie che giocano entrambe a basket nella città di Salerno (ma in categorie differenti da quella della Vignali), non si è risparmiato con parolacce e insulti rivolti alla bella cestista. Offese pesanti alle quali Valentina ha risposto con toni ironici ma decisi. L’uomo si è spinto tanto oltre da augurare alla sportiva, che oggi gioca in serie A2 nelle fila dell’Athena Basket Roma, addirittura la morte: “Chissà quale giorno ti raccoglieranno con un cucchiaino spiaccicata su un guard rail". Un commento impietoso visti i precedenti di salute della Vignali, guarita dal cancro dopo mesi di cure.

Nelle sue stories Valentina Vignali ha così pubblicato una carrellata di screenshot, decine di insulti, foto e commenti offensivi, nonché reso pubblici i profili Facebook e Instagram dello stalker, che nel giro di poche ore ha disattivato i suoi account. Alla fine del video, la modella e sportiva ha voluto taggare una delle figlie dell’uomo e mandarle un messaggio: “Sore', io te lo do come consiglio, io avrei paura a dormire con uno così in casa, poi fai tu”.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.