Vittorio Brumotti accerchiato e minacciato dai pusher in centro a Pisa

L'inviato di Striscia stava girando un nuovo servizio sullo spaccio in città quando è stato accerchiato da alcuni spacciatori extracomunitari. Solo l'intervento della Finanza ha scongiurato il pestaggio

Vittorio Brumotti accerchiato e minacciato dai pusher in centro a Pisa

Ennesimo episodio di violenza ai danni di Vittorio Brumotti. Il biker inviato del tg satirico di Antonio Ricci è finito nuovamente nel mirino degli spacciatori per un servizio realizzato nel cuore di Pisa sabato 13 marzo. Le immagini andranno in onda nel corso della settimana, ma intanto i dettagli iniziano a trapelare dalla stampa locale.

Vittorio Brumotti era arrivato nella città toscana nella mattinata di sabato scorso e stava realizzando le riprese di un nuovo servizio sullo spaccio insieme al suo operatore. Teatro delle riprese viale Gramsci, l'asse di spaccio principale a Pisa che si sviluppa tra la stazione centrale e la via dello shopping, Corso Italia. La presenza dell'inviato di Striscia non ha lasciato indifferenti i pusher che, dopo aver notato Brumotti e le telecamere, lo hanno avvicinato pericolosamente.

Alcuni spacciatori magrebini hanno accerchiato il campione di bike trial sotto i loggioni del viale e hanno iniziato a insultare e minacciare lui e l'operatore video di Striscia la Notizia, che nel frattempo ha continuato a riprendere quanto stava accadendo in pieno giorno e sotto gli occhi attoniti dei passanti. Una scena da far west che non è sfociata fortunatamente in aggressione solo grazie al pronto intervento di una pattuglia della Guardia di Finanza. Come riportano i quotidiani locali, infatti, una pattuglia stava passando da viale Gramsci per un controllo di routine e si è trovata ad assistere alla scena. All'arrivo degli agenti gli spacciatori si sono dati alla fuga e hanno fatto perdere le loro tracce, impedendo alle forze dell'ordine l'identificazione.

Solo una settimana fa Vittorio Brumotti era finito nel bel mezzo di una retata antidroga avvenuta nel parco delle Cascine a Firenze. Le telecamere di Striscia erano arrivate nel capoluogo toscano per documentare il traffico di sostanze stupefacenti alla periferia di Firenze, ma l'operazione si era ben presto trasformata in una vera e propria retata antidroga dopo la rivolta degli spacciatori. Diversi i pusher identificati e uno denunciato per lesioni a pubblico ufficiale. Immagini trasmesse pochi giorni fa su Canale 5 e che hanno fatto molto discutere. Il servizio dell'aggressione avvenuta a Pisa andrà in onda nei prossimi giorni su Striscia la Notizia.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti